Guasto al locomotore «paralizza» il Passante

Pomeriggio nero per chi viaggiava su ferro a Milano. Chi pensava di lasciare in garage la macchina e dribblare code e ingorghi, ha sbagliato. Per due ore, infatti, tutti i treni che avrebbero dovuto transitare sul Passante ferroviario sono rimasti fermi, provocando non pochi disagi ai passeggeri e ai pendolari.
Intorno alle 16.10, un convoglio partito da Bovisa e diretto a Porta Vittoria, si è bloccato all’altezza della stazione Repubblica. Alla base dell’incidente, rendono noto le Ferrovie Nord, sembra esserci stato un guasto tecnico che ha bloccato il locomotore sui binari impedendo al traffico di fluire.
Per far ripartire la circolazione ferroviaria, è stato necessario attendere l’arrivo di un altro locomotore che trainasse via il convoglio guasto. Quanto ci è voluto per svolgere l’operazione? Quasi due ore. Nel frattempo le Ferrovie Nord sono corse ai ripari, garantendo comunque la copertura per le destinazioni.
La partenza dei treni in direzione Bovisa è stata trasferita provvisoriamente sui binari in superficie della stazione Garibaldi, anzichè dallo scalo di Porta Vittoria.
Il disguido ha provocato la soppressione di quattro treni delle Nord, due per direzione di marcia, Bovisa da una parte e Porta Vittoria dall’altra.
Ma l’effetto domino è stato inevitabile e ha causato un discreto numero di ritardi su tutta la linea. Dal Passante transitano infatti anche i convogli di Trenitalia, in direzione Varese e Novara. I treni, che a causa del guasto non sono riusciti a rispettare gli orari previsti, sono stati una ventina per le Ferrovie dello Stato e una decina per le Nord. Verso le 18.10, a due ore dal guasto, è stato ripristinato il transito sul Passante ferroviario. Lentamente la circolazione è ripartita, secondo le stime diffuse, il ritardo medio non è stato superiore ai dieci minuti.