Guerra in aula su piccioni e birdwatching

Il centrodestra ha depositato 678 emendamenti al Bilancio 2014. Da ieri è partita la battaglia per spostare risorse che la giunta ha destinato a cooperazione internazionale e integrazione degli stranieri su aiuti agli anziani, bonus bebè, risarcimenti per i danni del Seveso. Ma nel pacco di proposte ne spuntano anche di curiose, non proprio delle priorità. Il consigliere Fi Giancluca Comazzi, ad esempio, chiede di togliere 60mila euro alle attività culturali per destinarli alla «tutela, gestione e controllo dei piccioni nelle piazze», altri 17mila sempre dalla Cultura all'acquisto di microchip per i cani. Fdi propone di investire 100mila euro sulla valorizzazione del parco delle cave prevedendo anche «la creazione di percorsi per il birdwatching», l'osservazione del comportamento degli uccelli. Curiosità a parte, ieri il sindaco Giuliano Pisapia ha auspicato il voto sul Bilancio entro fine luglio «per velocizzare l'avvio di grandi opere». Pietro Tatarella (Fi) rimarca che «per la prima volta si accorge che il Bilancio va votato presto, l'anno scorso lo ha portato in aula quasi a fine anno». «Non abbiamo fretta di andare in vacanza - assicura anche il leghista Morelli -: forse il sindaco deve partire per santa Margherita?».