Hotel e bistrot Piazza Cordusio cambia volto

Nuove proprietà e tante ristrutturazioni Così i palazzi storici diventano «turistici»

Giro di valzer in piazza Cordusio. Dopo i passaggi di proprietà che sono avvenuti tra il 2015 e il 2016, sono partititi i cantieri in quattro palazzi storici che si affacciano sulla centralissima piazza ovale. La metamorfosi del quartier generale del mondo finanziario e bancario in nuovo cuore pulsante commerciale e turistico prevede lo sbarco a due passi dal Duomo della caffetteria americana Starbucks, che dovrebbe aprire entro l'estate il primo negozio su modello del Roastery and tasting room di Seattle. I sei piani sovrastanti, invece, dovrebbero ospitare uffici di rappresentanza per studi legali internazionali o società della new economy. Così nel palazzo di fronte acquisito da Hines.

In arrivo anche all'ex palazzo Unicredit, che si è trasferita alla torre di Cesar Pelli in piazza Gae Aulenti, un hotel di lusso non ancora presente in Italia, come l'Hilton con marchio Woldorf Astoria. Nei quasi 3.000 metri quadrati del piano terra dovrebbe invece inaugurare un ristorante o un bistrot di alto livello.

Si prepara a sbarcare in Italia anche Uniqlo, marchio giapponese di abbigliamento casual, mentre un grande mall commerciale dovrebbe aprire a Palazzo Generali.