I catalani appoggiano il referendum per la Lombardia autonoma

Patto di ferro con la Lega durante la visita in Regione. Il capogruppo Romeo: "Vogliamo seguire il loro esempio e chiedere ai lombardi di votare per lo Statuto speciale". Proposta già al vaglio della commissione e per la quale sono stati stanziati 30 milioni di euro

Si fa sempre più stretta l'alleanza della Lega Nord (soprattutto in Lombardia) con gli indipendentisti catalani. Solo poche settimane fa il viaggio a Barcellona del segretario federale Matteo Salvini e del vice presidente del consiglio regionale della Lombardia Fabrizio Cecchetti per appoggiare la loro campagna elettorale in occasione del referendum per staccarsi dalla Spagna. Una consultazione celebrata nonostante il veto del governo iberico e che dai leghisti insieme a quella celebrata in Scozia fu portata ad esempio di un corretto rapporto tra governo centrale e libera autodeterminazione delle realtà regionali. Non solo una visita di cortesia quella fatta a Barcellona, visto che proprio in Lombardia è già approdata in commissione regionale la proposta di legge per un referendum istituzionale con cui chiedere che anche la Lombardia diventi una Regione a statuto speciale. Una battaglia a cui il governatore lombardo Roberto Maroni ha più volte fatto capire di tenere e un dibattito tra le cui pieghe spuntano ovviamente sempre più spesso le spinte indipendentiste. Non una semplice boutade, visto che a bilancio sono già state stanziate le risorse necessarie per allestire i seggi. E son 30 milioni di euro.

E così oggi una delegazione del partito indipendentista catalano Som Catalans ha ricambiato l'appoggio, cementando quel patto con la Lega che sembra ormai diventato di ferro. A rappresentare la formazione arrivata da Barcellona, il presidente Ester Gallego e il capo ufficio stampa Enric Ravello Barber. "Siamo contro l'immigrazione, perché difendiamo il popolo catalano e il suo desiderio di essere libero", ha detto Gallego sottolineando come proprio in questa posizione si possa trovare un'identità di vedute con il Carroccio. Sintonia anche sul tema della crisi economica "che penalizza molto anche la Spagna: la Catalogna sarebbe economicamente autosufficiente se non venisse costantemente spogliata da Madrid". Parole che evidentemente anche in Lombardia vengono capite e in molti settori del consiglio regionale anche condivise. "Abbiamo apprezzato molto la visita dei colleghi catalani - ha dichiarato il capogruppo della Lega Massimiliano Romeo - anche noi stiamo lavorando per dare maggiore autonomia alla nostra Regione attraverso lo Statuto Speciale e per questo motivo intendiamo seguire l'esempio della Catalogna, promuovendo un analogo referendum per l'autonomia della nostra Regione".