Via i graffiti, «deroga» per falce e martello

Sono stati sfortunati: hanno finito la vernice proprio quando avrebbero dovuto cancellare la falce e martello. Il sindaco, Giuliano Pisapia, poi, deve essersi distratto. E così il graffito è ancora lì. E nessuno ha voglia di toglierlo. O meglio, i «Fratelli d'Italia» vorrebbero, ma il Comune e la zona no. E per non farlo trovano le scuse più originali. Siamo in zona 1. L'enorme graffito raffigurante la falce e il martello si trova sui muri del Centro di Aggregazione Multifunzionale, di proprietà del Comune e gestito dal Consiglio di Zona. Tutti gli altri imbrattamenti sono stati ripuliti anche grazie a un'iniziativa cui ha partecipato il sindaco. Quello no.