Per i massaggi ora il cliente dovrà lasciare i propri dati

Cambiano le regole nei centri massaggi

Cambiano le regole nei centri massaggi. O meglio, entrano le regole nei centri massaggi. Una terra di nessuno del benessere e del piacere che viene ora sottoposta a maggiori controlli dalla Regione, dopo l'approvazione delle nuove norme approvate dalla Commissioni delle attività produttive del consiglio della Lombardia. E una parte attiva spetta direttamente ai frequentatori e clienti. Chi usufruirà dei servizi dovrà autocertificare il trattamento ricevuto, esibendo i propri dati anagrafici. Non solo. Gli utenti dovranno firmare un'informativa sulle controindicazioni degli stessi servizi utilizzati soprattutto per quanto riguarda l'utilizzo dei prodotti proposti e i rischi di reazioni allergiche.

Soddisfatto Riccardo De Corato (FdI), relatore della nuova normativa. «Ora finalmente si introduce un sistema di controlli più idoneo». Il tentativo di stroncare forme di prostituzione mascherata è dunque compiuto. La Regione si è spinta oltre questo passo, vietando l'uso di attrezzature, apparecchi e utensili taglienti anche se in versione monouso, comprese lampade abbronzanti e apparecchi che emettono radiazioni Uv per l'abbronzatura. Obblighi anche per gli addetti che dovranno avere armadietti personali e spogliatoi.

Si tratterà a questo punto di stabilire se le norme verranno fatte rispettare oppure se questo settore, a dispetto del regolamento, continuerà a restare una sorta di terra di nessuno in cui è possibile sottrarsi senza timori ai controlli della legge.

«Finora - ha aggiunto De Corato - era molto semplice anche ottenere il permesso per aprire uno o più di questi centri. Era infatti sufficiente compilare un modulo e inviarlo allo sportello unico delle attività produttive». Questa spiega forse il proliferare di tantissimi di questi centri spuntati a sorpresa in ogni zona della città e non soltanto in periferia.

Commenti

fifaus

Mer, 19/07/2017 - 09:41

" Chi usufruirà dei servizi dovrà autocertificare il trattamento ricevuto, esibendo i propri dati anagrafici" . Più si insiste a creare controlli, più si evidenzia la debolezza dell'organizzazione sociale

gneo58

Mer, 19/07/2017 - 09:57

fumo negli occhi.......

schiacciarayban

Mer, 19/07/2017 - 10:56

Perchè quel genio che ha fatto la leggina pensa veramente che se uno riceve prestazioni particolari lo autocertifica?

rokko

Mer, 19/07/2017 - 11:47

che idiozia un'altro mattoncino tra i tanti che contribuiscono ad innalzare fino ad altezze vertiginose il peso della burocrazia in Italia.

Ritratto di Turzo

Turzo

Mer, 19/07/2017 - 12:16

La legge già c'è e parla chiaro: SOLO l'Estetista può eseguire trattamenti sul corpo ai sensi della Legge 1/90! Pertanto questi centri massaggi sono fuori legge e le persone che vi lavorano vanno denunciate per esercizio abusivo della professione!

aredo

Mer, 19/07/2017 - 12:27

Ennesima vaccata di schedatura da regime totalitario comunista. Invece di legalizzare i bordelli come negli altri paesi che ti fanno questi? Fanno fallire tutte le attività commerciali con queste assurdità.

Boxster65

Gio, 20/07/2017 - 10:11

Continueranno ad essere luoghi di prostituzione e di evasione totale dellee imposte.