I milanesi premiano il film coreano

Il Milano film festival passa e chiude. Dà appuntamento al 2015 per l'edizione che si aprirà nei giorni dell'Expo e da qui ad ora ci sarà tempo per mettere insieme il meglio del meglio. Intanto, anche quest'anno, il cinema indipendente ha assegnato i suoi Oscar e, tra i tanti vincitori, spiccano i due coreani che hanno portato a casa il Cavallo di Leonardo, provocando scalpore nella penisola asiatica dove tutti hanno guardato con occhi interessati ed entusiasti i destini di Late spring. La pellicola si è aggiudicata il premio per la miglior recitazione femminile di You-Young Lee e quello per la miglior cinematografia andato al direttore della fotografia di questo stupendo film coreano costato solo 533mila euro e destinato a riscuotere un grande successo, anche per la delicatezza con cui vengono toccati temi scabrosi come l'eutanasia o difficilmente decifrabili come quello del rapporto - da sempre controverso - fra bellezza e arte. La giovane You-Young Lee, 24 anni, della quale sentiremo presto parlare, interpreta una modella, reclutata dalla moglie di uno scultore, rimasto preda di una malattia degenerativa che vede affievolirsi progressivamente l'uso degli arti. La decisione della donna intende mantenere nel marito un entusiasmo vivo che gli permetta di debellare il male. Il film uscirà in agosto in Corea e l'auspicio è che torni presto, tradotto, nelle sale italiane.