I No Expo devastarono la città Il Comune si scorda il processo

Via all'udienza per i black bloc che il Primo maggio hanno incendiato e sfasciato Palazzo Marino non si costituisce parte civile: «Non sapevamo ci fosse udienza»

«Delinquenti e idioti». Il Comune «si costituirà parte civile» contro i responsabili delle devastazioni. Così un indignato Giuliano Pisapia poche ore dopo le devastazioni del Primo maggio 2015. I No Expo avevano messo a ferro e fuoco la città e il sindaco raccoglieva lo sdegno ci tutti i milanesi.

I milanesi però ieri al processo non erano rappresentati. Davanti al giudice è partito il processo a quattro antagonisti accusati di devastazione, incendio e saccheggio e resistenza a pubblico ufficiale. E al settimo piano del tribunale tutti hanno notato l'ingombrante assenza di Palazzo marino. Un regalo a una fetta di elettorato di estrema sinistra cui è meglio non dare fastidio? No, una semplice distrazione, spiegano da Palazzo Marino.