I vigili salvano un bimbo di 5 anni Il nonno l’aveva chiuso in auto

Ad accorgersi del piccolo è stata una pattuglia L’uomo era andato a fare spesa

Elena Giliberti

È rimasto più di un’ora chiuso in macchina prima di essere liberato dai ghisa che pattugliavano il mercato di viale Papiniano. I famigliari di Lori, 5 anni, erano scesi a fare la spesa e l’avevano lasciato lì assicurandosi che i finestrini elettrici fossero ben chiusi e le portiere potessero essere aperte solo dall’esterno. Inutile dire che quando il bambino è sceso dalla macchina aveva gli occhi sgranati dallo spavento e la maglietta blu fradicia di sudore quanto i suoi riccioli neri.
È successo ieri mattina proprio lungo il viale che ospita uno dei mercati più frequentati di Milano. La Bmw blu del papà di Lori era parcheggiata in un’area riservata agli handicappati, e non è passata inosservata agli occhi della polizia locale. Appena i ghisa l’hanno visto è scattato l’allarme. Il bimbo è sceso dall’auto, ha bevuto una bottiglietta intera d’acqua ed è rimasto accanto a uno degli agenti senza dire una parola. Intanto la pattuglia costeggiava il mercato alla ricerca dei parenti. In poco tempo viene individuato il nonno di Lori, uno straniero sulla settantina che spiega che la Bmw è di suo figlio, che non sa dove sia né come contattarlo. Altro giro di pattuglia. Finalmente la famiglia è al completo. Il papà di Lori e le sue sorelle sono increduli: il bimbo era stato affidato al nonno, che era andato a fare un giro al mercato «senza il piccolo tra i piedi».