Immigrati, Bordonali all'attacco: «La nostra Regione ha già dato»

L'assessore: da noi inviati 19mila richiedenti asilo, ora basta

«I dati del Viminale testimoniano ulteriormente come in materia di accoglienza la Lombardia abbia già dato». L'assessore regionale alla Sicurezza, Simona Bordonali, commenta così i numeri forniti dal ministero dell'Interno. «Tra le prime dieci province per presenza di stranieri - continua Bordonali -, tre sono in Lombardia e ben due sul podio. Milano è prima, Brescia terza e Bergamo quinta. Nonostante questo, il governo continua a inviare sul nostro territorio migliaia di richiedenti asilo che nella stragrande maggioranza dei casi si rivelano clandestini. È lo stesso ministro Alfano a dire che su 94.027 richieste d'asilo analizzate a livello nazionale nel 2016 ben 60.365 sono state respinte». In totale sono 4.004.376 gli immigrati che soggiornano regolarmente in Italia. Le prime dieci province di soggiorno sono Milano (476.678), Roma (361.486), Brescia (152.884), Torino (131.069), Bergamo (130.009), Firenze (107.931), Napoli (97.244), Vicenza (97.145), Bologna (91.914), Modena (88.415). «Mezzo milione di immigrati a Milano, 150.000 a Brescia e 130.000 a Bergamo - aggiunge l'assessore - sono numeri impressionanti. Il territorio lombardo è saturo e in un periodo di crisi occupazionale non può accogliere altri immigrati». La Regione sottolinea che tra gli immigrati regolarmente presenti in Lombardia il tasso di disoccupazione tocca il 16,6 per cento e raggiunge il 26,4 per cento tra la popolazione immigrata femminile. «Ormai - conclude Bordonali - i richiedenti asilo nella nostra regione sono 19.366, il 13 per cento del totale nazionale».