Incendio in casa, morta una centenaria

Invalida bloccata nel letto. Fiamme anche all'Istituto di moda Marangoni

Elena Gaiardoni

Non ce l'ha fatta l'anziana invalida di 98 anni, che viveva nel suo letto. Chiara C. aveva festeggiato il suo compleanno proprio quattro giorni fa. Il tempo le è stato fedele amico per 98 primavere, ma al fuoco è bastata una sera d'inverno per portarla via come una foglia tardiva. È lei l'unica vittima intrappolata tra le fiamme del suo appartamento in via Monteverdi 1, in zona Buenos Aires. L'incendio è divampato ieri, intorno alle 18, partendo proprio dalla casa di Chiara, al terzo piano di una palazzina moderna dai bei balconi, che si alza in una delle vie centrali della città, su, per sei piani. Un ragazzino di 12 anni è rimasto intossicato ed è stato portato non in gravi condizioni all'ospedale Niguarda. Venticinque le persone evacuate e due ore abbondanti da parte dei vigili del fuoco per domare il rogo, fatale per una persona che non poteva correre via dal pericolo, date le sue condizioni di salute. Un altro bambino antico ucciso sì dalle fiamme, ma anche dall'abbandono silenzioso.

«Speravamo che l'appartamento fosse vuoto, invece non era così. Ce l'abbiamo messa tutta perché ogni persona che muore per noi è un dolore che strappa, soprattutto se questa persona ha quasi cento anni e non può muoversi. Abbiamo fatto il possibile grazie all'aiuto dei condomini, purtroppo il fuoco è arrivato prima di noi» confessano i pompieri, intervenuti sul luogo con cinque squadre e due autoscale data la corporeità devastante del rogo, che usciva dalla finestra creando terrore nelle vicinanze, tra le vie dei musicisti.

Le lingue distruttrici si sono propagate anche al quarto piano dello stabile, ma per fortuna le forze dell'ordine sono riuscite a liberare in fretta i vani interessati dall'agguato del «fiore rosso», che purtroppo nel 2017 riesce ancora a mietere vite, campate per quasi un secolo, come in questo caso, costrette ad andarsene per un motivo che non dipende dalla loro salute, nonostante i mezzi di intervento e di soccorso abbiano perfezionato al massimo la dinamica di aiuto. Per soccorrere al meglio i malcapitati sono arrivate sul posto due ambulanze e due automediche. Accorati i presenti quando hanno saputo della fine dell'anziana donna, bruciata lassù, in una stanza non raggiungibile da mezzi moderni.

Un altro incendio, deflagrato invece in via Verri, ha interessato l'istituto di moda Marangoni, iniziando da un bidone che conteneva rifiuti tessili, situato nel cortile. Per fortuna l'istituto era vuoto e l'evento non ha portato alcun danno. Non ci sono state persone colpite e anche la struttura è stata salvata.

Le fiamme hanno interessato anche il magazzino del negozio Dsquared e hanno annerito le pareti della scuola. Anche in via Verri le ambulanze sono intervenute per precauzione, ma sono rimaste ferme.