Intesa per Sea Handling: "Nessuno sarà lasciato a casa"

Il presidente di Sea, Pietro Modiano: "Abbiamo usato bene queste settimane e oggi abbiamo firmato l'intesa al tavolo della Regione, la nuova società che nasce sarà in grado di sostenersi sulle sue gambe

"Ha prevalso la saggezza, e adesso possiamo confermare che nessun lavoratore sarà lasciato a casa, che la nuova società che nasce sarà in grado di sostenersi sulle sue gambe, che i requisiti dell'Europa saranno rispettati, che i diritti saranno tutelati". Così Pietro Modiano, presidente di Sea (la società che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa), dopo il raggiungimento di un'intesa tra Sea e i sindacati su Sea Handling, la sua liquidazione e la nascita di Airport Handling. "Abbiamo usato bene queste settimane e oggi abbiamo firmato l'intesa al tavolo della Regione. Si è allargata la condivisione dei contenuti dell'accordo del 4 giugno, ci siamo fatti capire meglio di prima - ha sottolineato Modiano -. Ed è arrivato il contributo dei dirigenti di Sea, che ha ridotto i sacrifici chiesti ai lavoratori, in linea con gli auspici del sindaco Pisapia".

Da parte sua il sindaco di Milano ha commentato l'intesa premettendo: “Non tocca a me valutare il merito dell’accordo siglato oggi tra le organizzazioni sindacali e Sea per quanto riguardo il settore handling". "La negoziazione ha riguardato esclusivamente le parti in causa - ha aggiunto Pisapia -. Posso solo dire che giudico positivamente il raggiungimento di un accordo in un momento delicato per la Società anche perché è prevista la salvaguardia dei posti di lavoro”.

"Non posso che esprimere soddisfazione per l'intesa raggiunta in Regione su Sea Handling - ha detto il presidente del Consiglio regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo - L'accordo ottiene il risultato più importante, ovvero la salvaguardia di tutti i posti di lavoro, ed è un ottimo segnale che di fatto supera il no al referendum dei giorni scorsi. Ora la politica torni a lavorare a testa bassa per affrontare le difficoltà di Malpensa: il territorio e le imprese hanno bisogno del suo rilancio".