Isola pedonale al Castello: la giunta bacchetta Pisapia

«Dal primo maggio pedonalizzeremo piazza Castello» e «consulteremo i cittadini sulle opere da realizzare con i 65 milioni che incasseremo dalla vendita di A2a» aveva annunciato trionfante il sindaco Giuliano Pisapia. Da Forza Italia a Lega e Fdi il commento è stato più o meno unanime: «La priorità della giunta è chiudere il traffico in piazza Castello?». Se i commercianti hanno protestato perché quel progetto si tradurrà in un grande caos per il traffico, il popolo del web ha avvertito Pisapia che la città non si ferma alla zona 1, si guardi intorno, i problemi sono ben altro. Una sintesi di quelle osservazioni è nella lettera inviata al sindaco e al resto della giunta dall'assessore al Demanio Daniela Benelli. Non contesta piazza Castello pedonale («di quello spero che avremo modo di confrontarci» ha detto) ma «la priorità è il disagio delle periferie, e questo è ciò che emerso dagli interventi della maggioranza alla riunione». «Proprio nel momento in cui andiamo a discutere di risorse con il Bilancio di previsione 2014 - è il ragionamento ribadito a colleghi e sindaco in una riunione fiume a Palazzo Marino - bisogna mettere in evidenza con maggior forza i problemi e i progetti su cui investiremo fondi, dalle case popolari ai quartieri a rischio, le scuole degradate, le periferie».