Il killer della gioielliera ha un volto

Il 3 agosto scorso è entrato nel negozio, a Saronno, e poi ha ucciso la donna che ci lavorava. Ora le immagini di quell'uomo, riprese dall'impianto di videosorveglianza della gioielleria, sono state diffuse. La Procura di Busto Arsizio ha anche attivato un numero verde gratuito (800547547). Il messaggio è chiaro: chi sa o riconosce il soggetto parli.
Maria Angela Patrizia Granomelli è stata uccisa alle 17 circa, nell'oreficeria «Il dono di Tiffany». L'impianto di sicurezza era vecchio e il filmato di scarsa qualità. I fotogrammi che sono stati diffusi - spiegano gli inquirenti - sono quindi il risultato di una complessa procedura tecnica del Ris Carabinieri di Parma, per renderli più chiari. Il numero verde può essere chiamato 24 ore su 24. «Chi ha segnalazioni sull'individuo raffigurato nelle immagini si rivolga a tale numero», è l'appello dei magistrati. Nei fotogrammi diffusi si vede un uomo alto, magro, leggermente stempiato, vestito con una maglietta chiara e dei bermuda, e con un borsello a tracolla. È lui l'uomo che il pomeriggio del 3 agosto è entrato nel negozio, verosimilmente per mettere a segno una rapina. Un colpo finito nel sangue.
A dare l'allarme è stato il figlio della commerciante, oil quale - non riuscendo a metetrsi in contatto con lei telefonicamente - l'ha raggiunta al negozio, ma trovando la porta d'ingresso chiusa ha sfondato la vetrata, trovando il corpo privo di vita della madre. L'aggressore, dopo aver infierito sul corpo di Maria Angela Granomelli, ha chiuso la porta principale della bottega di bigiotteria, fuggendo dal retro.
Una violenza inaudita, quella dell'assassino. Trenta secondi di ferocia riprese dalle telecamere. Verso le 16 e 20 il killer entra nel negozio, osserva i preziosi esposti sul bancone, poi afferra un astuccio rigido e colpisce con forza la 62enne. La donna si curva dopo il colpo alla testa e l'assassino infierisce: la colpisce con calci e pugni su tutto il corpo mentre la vittima cade a terra. Sono le 17.30 circa quando fugge portando con sé pochi preziosi. Solo alle 20 circa scatterà l'allarme.