L’APPELLO

Un «drastico abbattimento della spesa pubblica» è la richiesta che Assolombarda rivolge anche all’amministrazione comunale con il suo presidente Alberto Meomartini. «Con la nostra pressione fiscale - ha detto Meomartini nel suo intervento - che lo stesso governatore Visco ha definito “non compatibile con una crescita sostenuta” il vero slancio per la crescita del Paese può venire solo da un drastico abbattimento della spesa pubblica. Questo è quanto chiediamo al Governo e con forza sollecitiamo alle istituzioni e alla politica anche a livello locale. Un’azione da implementare in tempi rapidi seguendo le tre vie indicate dal ministro Giarda: ridurre, riorganizzare, ristrutturare. E un medesimo impegno - ha ribadito - chiediamo naturalmente alla nostra amministrazione comunale».
Presentando la sue «sollecitazioni» alle istituzioni milanesi il presidente Meomartini ha poi insistito sul fatto che la vendita di asset patrimoniali non deve «finanziare spesa corrente»: «Deve essere fuori discussione che ogni eventuale alienazione non debba finanziare spesa corrente, ma generare risorse per nuovo patrimonio, per interventi strutturali».