L'"Artigiano in Fiera" si vede pure con l'App

Da oggi fino all'8 dicembre la kermesse delle arti e dei mestieri: 3mila espositori

Artigianalità e tecnologia. Chi pensa che quello dell'artigiano sia un mestiere d'altri tempi si sbaglia perché quest'anno l'Artigiano in Fiera è a portata di App. Per accedere alla più importante fiera delle arti e mestieri del mondo, che da oggi all'8 dicembre chiamerà a raccolta più di un milione di visitatori (1 milione e 200 mila nel 2018) nei padiglioni di Fieramilano Rho-Pero basta un pass (gratuito) da scaricare sul sito o con la nuovissima App, una rivoluzione nel settore delle fiere. Questa è infatti la prima fiera al mondo da visitare con un'App (si può scaricare gratuitamente da Apple Store o da Google Play).

L'applicazione è anche uno strumento pensato per localizzare il visitatore e aiutarlo a trovare i suoi Paesi, prodotti e artigiani preferiti. La nuova mappa interattiva dell'applicazione permette poi di creare percorsi personalizzati. Basta una parola chiave e l'App accompagna il visitatore ovunque voglia, permettendogli di scoprire le specialità provenienti da tutto il mondo e soprattutto di incontrare chi le produce. Perché chi visita l'Artigiano in Fiera è affezionato ai singoli artigiani, torna ogni anno per toccare con mano le loro creazioni e stringer loro la mano, e con l'App potrà seguirli sempre e trovarli con un clic.

Non a caso il titolo è «Piacere di Conoscerti!», e l'App permette proprio una conoscenza reciproca più approfondita e un'esperienza più umana.

Ma ecco i numeri: per 9 giorni la 24ma edizione di Artigiano in Fiera colonizza Fieramilano con 3mila artigiani provenienti da circa 100 Paesi del mondo. Sono loro i protagonisti con prodotti tipici e creazioni originali, tutte accomunate dalla manifattura d'eccellenza. Chi varca la soglia di questa fiera unica al mondo può fare il giro del mondo in 9 padiglioni. Tradizione, cultura e autenticita sono a portata di mano, perché si possono conoscere dal vivo gli artigiani che arrivano da ogni angolo del globo, ognuno con culture, storie e tradizioni diverse da raccontare. I settori da esplorare sono tanti.

A partire dall'enogastronomia. Attraverso 21 luoghi del gusto e 42 ristoranti allestiti per l'occasione, si possono degustare piatti tipici della cucina italiana e internazionale creati da centinaia di artigiani con prodotti locali: dalla verace pizza napoletana alla paella spagnola, fino ai baozi freschi della Cina. E tutti i piatti sono preparati con ingredienti di prima qualità da chef dei singoli Paesi.

Ma questa è anche una rassegna internazionale di moda e design. Nell'Atelier della Moda e del Design, salone tematico situato nel Padiglione 4, si trovano le creazioni di oltre 50 tra imprese sartoriali e gioiellerie artigianali. Le proposte sono tantissime, tutte originali e frutto di tecniche sperimentali e grande creatività, e non si trovano solo i grandi nomi ma anche giovani designer e start up innovative. Mentre il salone La Tua Casa (sempre al Padiglione 4) mette in scena l'eccellenza di un centinaio di imprese artigiane attraverso soluzioni originali per l'arredamento.

Un grande showroom offre soluzioni per ogni ambiente della casa con le migliori proposte di arredo. Qui si trovano anche tante aziende dedicate alla ristrutturazione, climatizzazione, sicurezza, domotica e molto altro. tutto all'insegna dell'innovazione. E, oltre al Salone della Creativita (al Padiglione 6) che compie dieci anni e propone chicche imperdibili, per 9 giorni andranno in scena spettacoli, canti e balli folcloristici. Il fascino della storia e dei costumi di ogni popolo del mondo racchiuso in un unico luogo.