L'ALLARME Per i ricercatori l'obesità infantile è un problema quanto l'eccessiva magrezza

Un nuovo spazio per gli under 35, aperto anche di sera, di notte e nei weekend. La prima «aula studio», in pieno centro, fruibile anche la sera, ma anche un luogo di incontri culturali, riunioni ed eventi promossi dai giovani della città. L'Informagiovani di via Dogana 2 si rinnova nello spazio, nella comunicazione e nei servizi, anche grazie a una sperimentazione unica in Italia: un luogo pubblico gestito direttamente dagli studenti. Nasce La Dogana di Milano.
«Uno spazio aperto, libero, gratuito, accessibile. Uno spazio pubblico aperto la notte grazie al protagonismo di studentesse e studenti» dichiara Alessandro Capelli, delegato del Sindaco per le Politiche Giovanili.
In questa prima fase sperimentale, per almeno quattro sere a settimana, lo spazio si aprirà ad associazioni, gruppi informali o semplicemente singoli che vogliono proporre una iniziativa o anche solo utilizzare, insieme, uno spazio condiviso. Durante le ore di apertura degli sportelli continueranno a essere attivi i servizi più classici dell'Informagiovani (lavoro, studio, mobilità internazionale, volontariato) ma soprattutto ci saranno novità, come il punto sullo sharing, un'area libreria e studio, una piccola ciclofficina, lo sportello Arte di strada, Wifi gratuito, un murales (firmato Pao), tavoli e divani dove studiare, incontrarsi e progettare la città del presente. La Dogana verrà inaugurata ufficialmente domani, martedì 27, con un programma di quattro giornate (e serate) che parleranno di casa, mobilità internazionale, lavoro e condivisione.