L'anticiclone «Giuda» scatena i giorni più bollenti dell'anno

Attivato il numero 888.777.888 per aiutare i più deboli

Elena Gaiardoni

A causa del forte caldo è stato attivato il numero verde gratuito 800.777.888, aperto per dare un aiuto alle persone non autosufficienti oppure agli anziani soli. Al numero, che è in azione dalle 8 alle 19, si possono richiedere pasti a casa, servizi di accompagnamento, di igiene personale e di pulizia della casa, ma anche segnalare persone che si trovano in difficoltà. Il caldo toglie le forze soprattutto ai vecchi e crea notevoli disagi ai bambini. Bisogna bere di più, coprirsi con fibre naturali come lino e cotone, assumere più vitamine grazie a frutta, frullati, spremute, bibite naturali. Per chi avesse necessità di un assistente familiare anche solo per il periodo estivo è possibile rivolgersi allo sportello del Comune di Milano CuraMi. Tutte le informazioni relative al servizio attivato da due giorni si possono reperire su www.curami.net o ai numeri 02.40297643-44.

Questa settimana, sferzata dall'anticiclone africano Giuda, potrebbe essere la più bollente di tutta l'estate 2017 con temperature che sfiorano anche i 40 gradi. Oltre al caldo, ciò che preoccupa la Coldiretti è la siccità. Nel mese di marzo in Lombardia è caduto il 47% di pioggia in meno rispetto alla media, ad aprile il 50% in meno e a maggio il 48,6% in meno. Non senza preoccupazione gli agricoltori si sono attivati per mettere in atto l'uso razionale dell'acqua, date le condizioni dei bacini idrici, soprattutto del Po, che al Ponte della Becca in provincia di Pavia, ha registrato un livello idrometrico sceso due metri e mezzo sotto lo zero (-2,59). Da oggi potrebbero verificarsi possibili rovesci iniziando dalle prealpi, temporali che si riversano anche in pianura, alleggerendo un po' l'afa, ma fino a venerdì la calura peserà soprattutto nelle zone con più cemento. Uno dei consigli degli esperti è di cercare di stare in mezzo alla natura, per cui più passeggiate nei parchi e nei giardini, dove le piante assicurano ossigeno e refrigerio.

Fondamentale per anziani e bambini è evitare di uscire nelle ore centrali della giornata, dalle 12 alle 17. Per chi soffre di pressione bassa, ma è un consiglio utile per tutti, tenere sempre con sé una bottiglietta d'acqua, perché bere integra i sali minerali che si perdono con il sudore, ma evitate bevande alcoliche, gassate, troppo zuccherate o gelide. Diminuire il consumo sia di tè che di caffè. Le vivande più sane sono pasta, frutta, verdura, quelle più pericolose sono i cibi grassi e piccanti. Tenere il capo riparato dal sole con cappelli e ombrelli. Indossare abiti leggeri, non aderenti, di colore chiaro. Non esponetevi al sole in modo prolungato. Se, in seguito a un'eccessiva esposizione, dovesse insorgere mal di testa, fate impacchi con acqua fresca per abbassare la temperatura corporea.

L'ultimo tocco di primavera fa sudare sette camicie. Con il caldo tutti diventiamo sorvegliati speciali: dall'uomo al mais, dagli animali - lasciamo ciotole d'acqua fresca per i nostri quattrozampe assetati - alle piante del giardino la sofferenza colpisce in modo diverso l'intero ciclo vitale, per questo è indispensabile comportarsi con avveduta consapevolezza, perché il clima non è solo fuori ma entra dentro di noi.