Lega contro la consigliera di sinistra: "Non porti la figlia in Aula"

A Palazzo Marino il Carroccio si scaglia contro la consigliera di Sinistra x Milano Anita Pirovano che ha portato la figlia in aula

È giusto che una mamma possa portare la propria figlia neonata sul luogo di lavoro, anche se si tratta dell'aula consiliare del Comune di Milano? Per qualcuno evidentemente no.

Gli esponenti milanesi della Lega Nord hanno infatti messo nel mirino la consigliera di sinistra Anita Pirovano, "rea" di essersi presentata al lavoro con la figlia Viola di otto anni in braccio. Una scena che non è piaciuta al capogruppo leghista a Palazzo Marino Alessandro Morelli: "Un'aula consiliare non è un luogo adatto a un bimbo. Tra poche ore diventerò padre e mi sembra strano che proprio una mamma non capisca la necessità che a Palazzo Marino ci sia un'area dedicata ai figli di consiglieri e dipendenti".

Una spiegazione, scrive l'edizione milanese di Repubblica, che ha lasciato perplessa la Pirovano: "Mia figlia non ha arrecato il ben che minimo disturbo, ma la sua presenza violerebbe il regolamento - spiega l'esponente di Sinistra x Milano - Mai avrei pensato di poter essere attaccata, nel 2016, per aver portato in due occasioni e per un'ora in tutto mia figlia in Consiglio comunale."

Anche il sindaco Beppe Sala è intervenuto sul caso, assicurando che "Viola sarà sempre la benvenuta in aula".

A prendere le difese anche lo storico esponente di destra Niccolò Mardegan, che su Facebook si è espresso a favore di quella che ha definito "una bellissima testimonianza di chi è al servizio del cittadino e contemporaneamente mamma".

In realtà l'episodio di Palazzo Marino ha anche dei precedenti illustri, con l'eurodeputata di Forza Italia Licia Ronzulli che si è presentata più volte all'assemblea di Strasburgo insieme alla figlia piccola e la deputata islandese Unnur Bra Konradsdottir che ha illustrato una legge in parlamento mentre stava allattando.

Al netto delle polemiche politiche, il commento più divertente è stato quello dell'ex consigliere di Sel Mirko Mazzali. Che, da noto tifoso della Fiorentina, ha difeso la figlioletta della Pirovano: "Viola non si tocca, forza Viola!"

Commenti
Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mar, 18/10/2016 - 12:38

Pagliacci di sinistrati, capaci solo di confondere gli animi: come se non sapessimo che per il resto della giornata la nostra povera bimba se ne sta con baby sitter o al nido....

maurizio50

Mar, 18/10/2016 - 13:53

E poi i compagni con spocchia ed alterigia rimproverano ad altri di non avere rispetto per le Istituzioni: salvo trasformare l'Aula del Consiglio in kinderheim!!!

Trinky

Mar, 18/10/2016 - 14:18

8 anni? ma non avrebbe dovuto essere a scuola sta bambina? e comunque se vogliamo trasformare un consiglio comunale in una festa per bambini che tutti portano i propri figli allora......

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 18/10/2016 - 15:58

."Un'aula consiliare non è un luogo adatto a un bimbo". E allora che ci faceva il Trota alla Regione???

manfredog

Mar, 18/10/2016 - 16:01

Dunque: se la cosa è occasionale, e per una mamma, o un papà, non è la fine del mondo, dovrebbe prevalere il buon senso; ma così, però, la 'legge' dovrebbe valere per tutti e, a questo punto, c'è il rischio emulazione o provocazione, se vogliamo, anche da parte di chi potrebbe non essere d'accordo o contro le 'idee' di quella persona. A questo punto che cosa facciamo, trasformiamo l'aula in un asilo infantile o in una scuola elementare !? mg. p.s. : il commento del 'sellino', comunque, non penso che sia stato il più divertente, anzi..

Tarantasio

Mar, 18/10/2016 - 16:44

era lì solo un momentino, giusto il tempo di firmare per il gettone... salutare gli amici e poi via