Legava il cugino con le catene: «L'ha detto il papà»

Sono stati denunciati per maltrattamenti e sequestro di persona. Si tratta di due eritrei, padre e cugino di un 20enne ritrovato da un passante lunedì sera da solo, a piedi nudi e con i polsi incatenati per strada in via Salemi, alla Comasina. Portato al Niguarda il ragazzo, sotto choc, ancora non riesce a parlare.
Martedì, al commissariato di zona, si è presentato un eritreo 29enne, denunciando la scomparsa del cugino. «Me lo ha affidato il padre e lo tengo in catene perché soffre di un disturbo che lo rende violento» ha spiegato ai poliziotti. Da Roma è arrivato anche il padre del 20enne, sottolineando che lui non incatena il figlio ma gli mette le corde ai polsi. Nessuno dei due però ha saputo dimostrare l'esistenza di una precisa patologia. Ed è scattata la denuncia.