L'Expo d'artista rivive dietro l'obiettivo

Il primo maggio il sito apre con l'orchestra della Scala

Sei mesi con la macchina fotografica in mano per cogliere e raccontare Expo, i suoi padiglioni e i tanti visitatori che l'hanno attraversato. È stato presentato dal presidente della Regione, Roberto Maroni, il volume fotografico Expo Tales, realizzato da sei fotografi lombardi, per nascita o adozione. Ogni mese, da maggio a ottobre, porta la firma di un diverso fotografo cui è stato affidato il compito di interpretare, in maniera libera e personale, lo scorrere del tempo e della vita di un evento dalla portata universale: architetture, luoghi, persone, grandi eventi e momenti di quotidianità sono i protagonisti di questi scatti. Le foto sono opera di Giorgio Lotti, Enzo Pifferi, Debora Barnaba, Carlo Meazza, Isabella Balena e Michela Taeggi. Un viaggio in tutto il mondo, lungo un chilometro e mezzo di Decumano, paese per paese.Ogni mese si apre con una citazione d'autore: scrittori, poeti, artisti, designer, che hanno dato vita a opere dal respiro universale, pur affondando le loro radici nel tessuto lombardo. La presentazione del volume è stata anche l'occasione per ribadire la riapertura di Expo il primo maggio. Un anno dopo l'inaugurazione.Per l'apertura bis del sito Maroni annuncia un concerto dell'orchestra della Scala ai piedi dell'Albero della Vita. «Vogliamo riprendere la gestione dell'area subito - ha detto Maroni - riaprendola con una serie di eventi dal primo di maggio. L'Albero della vita verrà riacceso simbolicamente».