L'INIZIATIVACinquantamila euro per mandare i bambini zingari a scuola

Questa volta non ci sono dubbi; i soldi - 48.500 euro - li mette il governo, che durante il premierato di Mario Monti a febbraio 2012 ha lanciato il «Progetto per l'inclusione e l'integrazione dei bimbi e ragazzi rom, sinti e camminanti» rivolto a Milano, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino e Venezia. Al capoluogo lombardo ha destinato quasi 50mila euro per promuovere la frequenza scolastica dei bimbi rom. Da un lato, con progetti che riguarderanno tre scuole e il coinvolgimento di maestre e compagni italiani. Dall'altro con l'aiuto ai compiti nei campi dove vivono.

Commenti

Giorgio5819

Gio, 18/07/2013 - 20:15

Ma come no, diamogli anche qualche incentivo per cambiare le Mercedes , per l'installazione di parabole tv, qualche sgravio fiscale per i lavori di ristrutturazione dei loro camper, e un buono acquisto alla brico per trapani e flessibili per svaligiare appartamenti...

angelomaria

Gio, 05/02/2015 - 12:26

CHE LI USASSERO PER I NOSTRI BAMBINI POVERI!!! LORO NO RUBANO E LA FAME PER I NOSTRI FIGLI E'PIU DURA !!!!!!!!!!