Luca Ronconi, la genialità dietro le quinte

I segreti della macchina teatrale alla Scala-Ansaldo e al Rovellodue

Simone FinottiNel primo anniversario della scomparsa di Luca Ronconi, spentosi a 82 anni il 21 febbraio 2015, Milano lo ricorda con una serie di iniziative che hanno come fulcro due dei più importanti teatri della sua vita. La Scala, innanzitutto, dove firmò 24 regie d'opera dal 1974 al 2008, lavorando con maestri come Abbado, Muti e Chailly, oltre a scenografi e costumisti di grande prestigio: da domani al 24 maggio si può visitare la mostra «Luca Ronconi, il laboratorio delle idee», curata da Margherita Palli e Valentina Dellavia e articolata in due tappe nelle sedi del Museo Teatrale (Largo Ghiringhelli 1) e dei Laboratori Scala Ansaldo di via Bergognone 34. Ai Laboratori va in scena il «Ronconi dietro le quinte», per ricostruire il rapporto fra il regista e la macchina teatrale scaligera rivisitato attraverso modelli, maquettes, materiali rari, fotografie e documenti sugli spettacoli allestiti al Piermarini. Ma c'è molto di più, perché grazie a una particolare passerella sospesa sarà possibile rivedere, uno dopo l'altro, tutti e 24 i leggendari allestimenti. Non manca, al termine del percorso, un focus sull'originale spettacolo Infinities, realizzato nel 2002 alla Bovisa con il Piccolo Teatro su canovaccio del matematico inglese John Barrow, per riflettere sul controverso rapporto fra teatro e scienza. Intanto al Museo Teatrale scopriremo il «Ronconi in scena», per ripercorrere attraverso costumi, oggetti, bozzetti, figurini, abiti e accessori le storiche collaborazioni con scenografi e costumisti come Luciano Damiani, Ezio Frigerio, Gae Aulenti, Margherita Palli, Vera Marzot, Karl Lagerfeld. La mostra è accompagnata dall'uscita del libro «Ronconi - Gli anni della Scala» curato da Vittoria Crespi Morbio, e del documentario «Ronconi all'Opera» prodotto da Rai Cultura. Spostiamoci ora al Piccolo Teatro, dove Ronconi ha lavorato negli ultimi 15 anni: qui, pochi giorni fa, ha aperto RovelloDue Piccolo Spazio Politecnico, un'area multimediale per il teatro che ospita mostre temporanee interattive. Quella inaugurale, «Spazio, Tempo, Parola. Il lavoro di Luca Ronconi al Piccolo Teatro», fino al 17 marzo, è dedicata proprio al grande regista con contributi multimediali, fotografie, musiche, interviste e immagini di tutti gli spettacoli dal 2000 al 2015, fino al successo di Lehman Trilogy di Stefano Massini.