«Lupi candidato sindaco? Ora può farlo solo per il Pd»

Giulio Gallera, da coordinatore cittadino di Fi cosa pensa di un governo in cui i soli milanesi sono del centrodestra?
«La dimostrazione che Matteo Renzi è furbo e sta fuggendo dal disastro di Milano».
Cosa significa?
«Che l'amministrazione inconcludente e incapace del sindaco Giuliano Pisapia porterà la sinistra a perdere le elezioni».
Questo lo dice lei.
«Le opere Expo sono la dimostrazione. Quello che tocca al Comune è un disastro».
Esempi?
«Il fallimento del progetto delle Vie d'acqua che ha immobilizzato per un anno 90 milioni di euro e che ora Milano non potrà più utilizzare».
Una visione cupa.
«Il governatore Roberto Maroni è molto preoccupato e ne parlerà con i ministri».
Lei boccia Pisapia?
«Questa è un'amministrazione che sa solo tagliare i nastri delle nostre opere pubbliche. Senza nemmeno rendere merito a chi quei progetti li ha pensati e realizzati».
Cosa non ha fatto Pisapia?
«Nemmeno la linea 4 della metro si realizzerà. Non una privatizzazione, non un intervento sugli immobili, solo ordinaria amministrazione».
Lei è stato assessore con Albertini e capogruppo con Letizia Moratti, cosa avete fatto?
«Tutto quello che sta sorgendo e si sta inaugurando a Milano viene dalle giunte di centrodestra. Poi la cartolarizzazione degli immobili pubblici, i 100 milioni di dividendi di A2a impiegati in opere sul territorio».
Nel governo Berlusconi del 2001 c'erano undici milanesi.
«La sinistra non è mai stata in sintonia con il Nord, il centrodestra invece ha sempre avuto grande attenzione per la parte più produttiva del Paese».
Quindi Renzi si inserisce in una storia già tracciata.
«Renzi ha soprattutto fiutato lo scontento dei milanesi per Pisapia e non vuole legare il suo nome a questo fallimento».
Lei è stato un assessore della giunta di Gabriele Albertini, cosa pensa del suo nuovo passaggio di partito?
«Mi spiace che il rancore personale abbia avuto la meglio sulla sua capacità amministrativa. Chiama Berlusconi Zeus, vive la politica con rancore».
Ha detto che il suo candidato sindaco è Maurizio Lupi.
«Non so se a Lupi l'abbraccio di Albertini farà bene».
Albertini è uomo dalle molte preferenze.
«Ma alle ultime elezioni regionali per inseguire Monti non ha eletto nemmeno un consigliere. Un fallimento devastante».
Lupi sarebbe un buon candidato per il centrodestra?
«Lupi è persona simpatica e competente, ma faccio notare che oggi è ministro di un governo politico di centrosinistra, in cui il Pd è il partito che guida l'alleanza».
E quindi?
«Quindi Lupi potrà magari essere candidato sindaco a Milano, ma in una coalizione di centrosinistra».
Non è un mistero che lei avanzi la sua candidatura. Serviranno le primarie del centrodestra?
«Le primarie sono la strada maestra. Con un buon candidato toglieremo Milano dalle mani di questa sinistra incapace».