Lupi convince Fi, non la Lega

Appello di Ncd: entro fine mese riuniamo il centrodestra per vincere a Milano

Un passo indietro «per riunire il centrodestra e riprenderci Milano». Citato a ripetizione tra i papabili, , l'ex ministro Ncd Maurizio Lupi ha ribadito ieri la «non disponibilità» a candidarsi sindaco di Milano, «non sono io l'uomo che serve al centrodestra, ad oggi». Un finale che non esclude sorprese più avanti. Ma prima del nome serve un programma e una coalizione, per questo ha fatto appello a Fi, Fdi e Lega che già governano insieme in Regione a «sedersi a un tavolo entro fine mese, per unirci e iniziare la campagna per il 2016». E un passo indietro lo chiede ad altri nomi giò circolati, come Mariastella Gelmini e Paolo Romani, che ieri ha detto di non essere in campo. La chiamata a riunire il centrodestra viene raccolto da Fi e Fdi, mentre Salvini (per ora) ribatte: «Un tavolo per rilanciare Milano lo facciamo con chi contrasta con chi contrasta il governo che li sta derubando».