La maestra anti-Halloween: "Vietati trucchi e dolcetti"

L'insolito avviso agli alunni della scuola Bacone Il Codacons: «Esercizio gratuito di burocrazia»

Stavolta lo scherzetto lo ha fatto la maestra. A tutti gli alunni. «Prendete il quaderno - ha detto dalla cattedra giovedì scorso - e scrivete: in occasione della festa di Halloween si potrà venire vestiti a festa evitando di portare bastoni, caramelle e gadget di qualsiasi tipo. E niente trucco. Portate l'avviso firmato dai genitori». È accaduto in una classe elementare della scuola di via Bacone, dell'istituto comprensivo Stoppani.

Gli alunni hanno scritto sotto dettatura l'avviso su fogli a quadretti e diari e, con parecchio rammarico, lo hanno fatto leggere alle famiglie. A malincuore hanno dovuto rinunciare al gioco «dolcetto o scherzetto» e non hanno potuto sfoggiare nè trucchi di ragnatele sulle guance nè finte ferite disegnate con i pennarelli rossi nemmeno durante l'intervallo. Alcuni hanno anche rinunciato del tutto al costume che avevano preparato da giorni per la giornata delle streghe.

Non tutti i genitori l'hanno presa bene. Tanto che il caso delle elementari di via Bacone è arrivato fino alle orecchie del Codacons, che non ha fatto tardare al sua denuncia: «Ha dell'allucinante l'avviso comparso sul quaderno delle comunicazioni dei bambini. Cosa rimane da fare ai bambini tolto dolcetto scherzetto, il trucco ed i gadgets?». Insomma, la comunicazione è stata interpretata come un modo per «rovinare la festa» e non ne è stato affatto apprezzato l'intento di rendere più sicuro il corridoio della scuola ed evitare che i bimbi si potessero far male con bastoni da streghe, finte asce di plastica e ammennicoli carnevaleschi vari. Nemmeno è stato apprezzato il divieto di dolciumi e caramelle, che sicuramente bene non fanno. I genitori, abituati dall'asilo a festeggiare la ricorrenza, per questo «ponte» sono tolleranti e ammettono lecca-lecca e cioccolatini di ogni genere pur di far divertire i figli. Quindi la fiscalità e la rigidità della maestra non hanno riscontrato molti applausi da parte delle mamme.

L'avviso, annuncia il Codacons, sarà anche inviato alla direzione scolastica, all'assessore comunale all'Istruzione Anna Scavuzzo e al ministro Stefania Giannini. «Vedremo cosa avranno da dire per giustificare tale chiusura mentale. Questo è un mondo in cui vanno posto dei limiti alle fragilità e alle paranoie degli adulti. In modo particolare agli adulti che hanno compiti organizzativi negli spazi dei bambini» scrivono i rappresentanti dell'associazione che tutela utenti e consumatori.

«Mi sembra - commenta il presidente Codacons Marco Donzelli - che si tratti un esercizio gratuito della burocrazia a danno di bambini che chiedono solo di festeggiare assieme. E invece gli alunni sono stati costretti a stare in classe e non hanno nemmeno potuto andare in giro per i corridoi per il tradizionale dolcetto o scherzetto».

La dirigente scolastica dell'istituto comprensivo, Claudia Racchetti, non era al corrente dell'avviso e non si è pronunciata sulla comunicazione anti Halloween.

Commenti

sparviero51

Sab, 29/10/2016 - 09:42

QUESTA STRXXZATA PASSATA PER FESTA NON CI APPARTIENE . OVVIO CHE TUTTO QUELLO CHE CI PUÒ ALLONTANARE DALLE NOSTRE TRADIZIONI CRISTIANE È BENVENUTO PER I BEOTI SINISTRI !!!

Tobi

Sab, 29/10/2016 - 09:54

"E invece gli alunni sono stati costretti a stare in classe e non hanno nemmeno potuto andare in giro per i corridoi per il tradizionale dolcetto o scherzetto" - Scusate, ma è per noi tradizionale il "dolcetto o scherzetto"? Ma di quale tradizione si parla? Ma lo sanno i burocrati che difendono queste pagliacciate d'importazione che l'innocuo (per loro) "dolcetto scherzetto" è la formula tradotta ed edulcorata di "offerta o maledizione"? Cioè, o facevi l'offerta o prendevi la maledizione, perché era proprio uesta la proposta originale fatta alla gente nei riti pagani e superstiziosi all'origine di questa "festa" (che poi non era una festa, ma erano pratiche legate agli spiriti). Ma questa è davvero la nostra tradizione? Qui si continua ad importare la qualunque senza neanche sapere perché si fa e cosa significa. Sembra che tutto ciò viene da fuori faccia brodo basta che cancelli le nostre tradizioni, quelle realmente vere e buone.

Ritratto di orione1950

orione1950

Sab, 29/10/2016 - 10:44

@ tobi; d'accordo con te ma vorrei aggiungere che, come festa pagana, abbiamo già il carnevale e basta e avanza.

mariolino50

Sab, 29/10/2016 - 10:47

Questa è una sxxxxxxxa di festa americana, che non usa in nessun paese europeo, forse solo noi beoti l'abbiamo adottata, come pure san valentino, tutta roba per farti spendere soldi in fesserie, le feste comandate ci sono già, più compleanni e anniversari.

Requiem sharmutta

Sab, 29/10/2016 - 11:30

Concordo con tutti i commenti già inviati da altri lettori. Festa stupida, brutta, che non ci appartiene culturalmente. smettiamola di copiare tutto quanto fanno all'estero! Manteniamo e coltiviamo le nostre tradizioni, molto più belle!

VittorioMar

Sab, 29/10/2016 - 11:38

...come sempre dagli USA "PRENDIAMO " le cose peggiori!!

Ritratto di guga

guga

Sab, 29/10/2016 - 11:50

Finalmente.Bravissima maestra, e coraggiosa: attenta però, che i sinistrorsi sono vendicativi. Per loro è importante cancellare qualsiasi riferimento ai nostri valori. Coraggio!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Sab, 29/10/2016 - 11:57

Finalmente. Basta con questa scemenza "dolcetto o scherzetto" importata dagli USa e getta ....

Anonimo (non verificato)

Ritratto di stenos

Anonimo (non verificato)

venco

Sab, 29/10/2016 - 14:00

Io sto con la maestra, la festa di hallowen è una festa orrenda, satanica.

ziobeppe1951

Sab, 29/10/2016 - 14:15

Tutte queste "feste" sono prodotti delle multinazionali che agiscono sulle stupide menti deboli e sono a miliardi ...purtroppo

Tarantasio

Sab, 29/10/2016 - 15:04

HALLOWEN E' UNA FESTA POPOLARE MOLTO AMATA DAI BAMBINI CHE CELEBRA L'INIZIO DELL'ANNO NUOVO FIN DAI TEMPI DI NEANDERTHAL, NIENTE A CHE VEDERE CON FESSERIE COME IL DIAVOLO O LE STREGHE DELL' INQUISIZIONE. LO DICO A CHI RIMPIANGE CERTI ROGHI