Per Mantovani audizione il 3 settembre

Nuovo capitolo per la questione del vice governatore e assessore alla salute Mario Mantovani per cui non si è ancora risolta l'incompatibilità tra la carica in Regione e quella di sindaco di Arconate. Dove il consiglio comunale ha respinto la sua richiesta di dimissioni votando contro il provvedimento che ne avrebbe decretato il decadimento dalla carica di primo cittadino. Generando così la giuridicamente intricata situazione per cui Mantovani, che si è regolarmente dimesso anche dal suo seggio di senatore, ha regolarmente assolto i suoi adempimenti, ma grazie al voto dell'aula rimane nella sua situazione di incompatibilità. Ieri l'attesa riunione della Giunta delle elezioni in Regione convocata nonostante la pausa estiva dal presidente Roberto Bruni (Patto civico) e al termine la decisione di convocare Mantovani il prossimo 3 settembre per un'audizione che dovrà servire a chiedere «chiarimenti in merito alla permanenza della sua incompatibilità di carica». A seguire i lavori della giunta che dovranno risolvere il complicato caso. Ma un fascicolo che presto potrebbe arrivare anche sul tavolo dell'appena insediato prefetto Francesco Paolo Tronca che ieri ne ha parlato durante la sua prima conferenza stampa. «È un problema complesso dal punto di vista giuridico - ha spiegato - Ma va analizzato. I tempi? Sono abituato a decidere presto».