Maroni: «Referendum sulle moschee»

Il governatore lancia l'idea di una consultazione popolare. E il centrodestra si compatta

Il caso moschea non esce dalla campagna elettorale. Anzi, un nuovo scenario si apre: il referendum popolare. È il governatore Roberto Maroni a lanciare questa possibilità, e ha subito trovato al suo fianco Riccardo De Corato di Fd. Maroni ha proposto il referendum parlando della legge regionale sottoposta a sentenza della Consulta. «Trattiamo i luoghi di culto con la nostra legge come gli altri edifici - ha spiegato Maroni -, cioè li assoggettiamo alle norme urbanistiche, in più diciamo che siccome il luogo di culto può generare qualche apprensione, lo sottoponiamolo a referendum». «Se il sindaco decide che ci vuole la moschea la faranno, il referendum costringe anche il sindaco a fare i conti con la propria cittadinanza», ha aggiunto. E a proposito del confronto chiesto dal candidato di centrosinistra Beppe Sala, non si è certo tirato indietro: «Se Sala vuole, sa come trovarmi».