Maroni sconfigge Sala "Niente profughi nel villaggio dell'Expo"

L'accordo ieri nell'incontro con il prefetto E sarà a tempo l'uso della caserma Montello

Niente extracomunitari irregolari e richiedenti asilo nel villaggio Expo che sarà così smantellato. E anche l'utilizzo della caserma Montello sarà solo temporaneo e non definitivo, come aveva annunciato solo pochi giorni fa il sindaco Giuseppe Sala, cercando così una soluzione alla nuova ondata di clandestini che si sta riversando su Milano dopo che Svizzera, Francia e Austria hanno ormai chiuso le loro frontiere scaricando quindi sull'Italia tutto il peso di una situazione che non si può più certo definire «di emergenza». E proprio Milano, risulta a tutti ormai ben chiaro, è destinata a dover sopportare l'urto maggiore dei nuovi flussi che si faranno sempre più consistenti.

Per questo ieri il governatore Roberto Maroni che più volte ha manifestato la sua preoccupazione e di non condividere affatto le soluzioni proposte dal Comune di Milano, ha chiesto di incontrare nella prefettura di Varese il prefetto Alessandro Marangoni per fare il punto della situazione che registra ormai da giorni il picco del 3.300 ospiti nelle strutture a cui si aggiungono tutti i clandestini in giro per la città. E un totale di 476mila immigrati già presenti in Lombardia. Numeri destinati ad aumentare vertiginosamente visto l'ormai imminente deflagrare delle crisi nelle frontiere di Ventimiglia presidiata dai francesi e di Como dove gli svizzeri sono pronti a riportare in Italia chiunque tenti di oltrepassare il confine.

«Abbiamo parlato di immigrazione a Milano e nella Città metropolitana - ha detto Maroni al termine del colloquio -, mi ha informato delle iniziative che ha intenzione di prendere e nelle quali non entro perché la Regione non è coinvolta, mentre positiva è la notizia dell'esclusione del campo base Expo per l'accoglienza dei clandestini». Soddisfatto il governatore: «È una buona notizia, chi la dura la vince. Ora potremo procedere allo smantellamento, come previsto dall'accordo di programma». Parole confermate da Marangoni che ha anche spiegato come la caserma Montello rappresenti uno «spazio idoneo», ma temporaneo per decongestionare i centri di accoglienza. Aggiungendo «l'impegno del prefetto perché l'accordo tra ministero dell'Interno, della Difesa e Università Cattolica non subisca il minimo rallentamento». Il riferimento è alla Montello che da tempo fa parte del piano di dismissioni immobiliari della Difesa e proprio un anno fa è stato inserito in un protocollo d'intesa con Palazzo Marino che ne prevedeva la cessione alla polizia di Stato che qui dovrebbe realizzare una nuova sede, con quella di piazza Sant'Ambrogio che diventerà un campus dell'Università Cattolica. Un risko che potrebbe essere messo a rischio dalla decisione di Sala di utilizzare la Montello come soluzione definitiva per l'accoglienza degli extracomunitari. Sono valutazioni «che spettano alla prefettura e al governo che se ne assumono la responsabilità», ha ribadito ieri Maroni. Ribadendo però che «la soluzione è non farli arrivare più in Lombardia, perché è già stata superata la quota prevista. Quindi non si dovrebbero mettere nelle caserme, ma bisognerebbe procedere con i rimpatri, visto che non sono rifugiati ma irregolari. E bloccando le partenze, cosa che purtroppo non sta avvenendo».

Per il consigliere di Fratelli d'Italia Riccardo De Corato «occorre dire basta a questa politica di accoglienza scellerata: anche le altre regioni facciano la loro parte, la Lombardia ospita già il 13 per cento dei migranti, più di qualsiasi altra regione e la sola provincia di Milano ospita 476mila immigrati. Il sindaco Sala, il ministro Pinotti e il Pd dovranno assumersi la responsabilità dell'uso della caserma Montello davanti ai residenti che di certo non digeriranno la decisione». Per l'assessore regionale alla Sicurezza Simona Bordonali «l'arroganza di Sala gli si è rivoltata contro: avevamo detto che ci saremmo opposti con ogni mezzo alla trasformazione di Expo in un accampamento per clandestini e così abbiamo fatto. I clandestini non devono essere portati in Expo, non vanno sistemati nelle caserme e non devono bivaccare in stazione. Devono solo essere rimpatriati».

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 18/08/2016 - 09:27

perchè comandi tu? Ma lo sai che comandano i centri sociali? Quando si muovono loro è tutto concesso altrimenti distruggono. Per essere sincero non vedo l'ora che molti di essi finiscano in galera per molti anni.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 18/08/2016 - 09:54

Polo universitario, centro sportivo, stadio di calcio, residenziale, alla fine l'area expo diventera' un campo di raccolta per negri clandestini.

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 18/08/2016 - 10:15

.... e adesso per coerenza e tanta strombazzata solidarietà, Sala sicuramente offrirà la condivisione della sua "dimenticata" casa di Pontresina o della bella e lussuosa villa in Liguria : vero sig. Sindaco di Milano? non ci deluda!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 18/08/2016 - 10:23

Avete proprio ragione Maroni è un vincente nato.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 18/08/2016 - 10:55

Bravo Maroni!!! Falli diventare piccini, piccini questi"""COMUNISTI ALL`ITALIANA, CHE DI COMUNISMO HANNO EREDITATO SOLAMENTE FALSITÀ, CORRUZIONE E IL MODO PIÙ SEMPLICE PER DIVENTARE CAPITALISTI ALLE SPALLE DELLA POPOLAZIONE"""!!!

arkangel72

Gio, 18/08/2016 - 11:19

Sala è l'ennesimo pinocchio della sinistra!!! Ha già truffato, beffato e ridicolizzato i milanesi!!! L'esasperazione della cittadinanza sarà il prossimo punto del suo disegno politico scellerato!!!

agosvac

Gio, 18/08/2016 - 12:25

Sarò anche un nostalgico, ma ricordo la Milano dei primi anni 60, quand'ero all'Università, al Politecnico. Era una città splendida, molto accogliente. Mi piaceva molto passeggiare in centro. Mi piaceva andare a pranzare nelle varie trattorie dove si mangiava sempre bene e si spendeva poco. Mi piaceva comprare libri nelle bancarelle che avevano di tutto. Non riesco ad immaginarmi cosa sia diventata oggi.

Finalmente

Gio, 18/08/2016 - 13:07

e adesso per ripicca temo delle tendopoli in piazza della scala o al meazza... con i sinistri non c'è mai da stupirsi

mifra77

Gio, 18/08/2016 - 14:22

E Renzi che con questi numeri, fa lievitare il debito pubblico e toglie soldi e diritti ai cittadini italiani. In realtà non fa altro che deviare quattrini nelle tasche di coop amiche, di caritas che oltre a ricevere dallo stato le nostre tasse, incamera offerte, donazioni ed elargizioni caritatevoli. tutti impegnati ad accogliere chi è dotato dei trentacinque euro ma se sei bianco e non hai attraversato a nuoto le acque, puoi anche morire di fame. Bravo Maroni, comincia a contrapporre le ronde ai servizi sociali.

mifra77

Gio, 18/08/2016 - 14:40

Maroni per fare un lavoro completo, oltre che contrastare le assegnazioni politicizzate di clandestini, dovrebbe far pagare anche l'affitto alle sedi dei centri sociali, oltre che le utenze e le manutenzioni e le assegnazioni a fondo perduto che vengono elargite dai sinistri ma caricate sulle spalle dei cittadini..

orso bruno

Gio, 18/08/2016 - 14:59

agosvac@Ho gli stessi ricordi e le stesse esperienze di quegli anni.Frequentavo la Bocconi e mi piaceva rilassarmi ogni tanto nel verde di parco Ravizza.Sono tornato in quei posti e li ho riconosciuti a malapena.Consiglio a tutti quelli che ne serbano il ricordo di evitarli.Due invasioni successive (dal nostro meridione e dall'africa)hanno trasformato quei luoghi in un grande immondezzaio !

Happy1937

Gio, 18/08/2016 - 15:50

Ricoveriamoli tutti nella villa che Sala si era "dimenticato" di possedere in Svizzera.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 18/08/2016 - 16:04

Sala vuole continuare il lavoro promosso da Pisapia, non vuole essere da meno. Se continuano a votarli, loro continuano a fare così, di che vi meravigliate? Di sicuro non li porta nelle sue ville di Liguria e Svizzera, il radical shic.

Miraldo

Gio, 18/08/2016 - 16:07

Molto bene Maroni, ora mai la Lega è l'unico partito che difende gli Italiani..........

Ritratto di rebecca

rebecca

Gio, 18/08/2016 - 16:20

bravo MARONI non mollare!!!!

Piut

Gio, 18/08/2016 - 17:34

Maroni non e' un buon presidente...e lo dico da uomo di destra nonché simpatizzante per la lega, pur non votandola...tuttavia, meno male che c'e' uno di destra alla presidenza della regione, almeno si può cercare di arginare la stupidita' milanese di aver fatto vincere di nuovo la sinistra in città', con le prime piacevoli conseguenze di questo voto scellerato! anche se...forse i milanesi dovrebbero provare sulla loro pelle le conseguenze delle loro scelte, per imparare cosi' a votare meglio la prossima volta...un bel dilemma...da un lato direi, forza Maroni, fatti valere...dall'altro, che parta l'invasione in città, casa per casa...avete voluto Sala? godetevelo!

PerQuelCheServe

Ven, 26/08/2016 - 11:43

@Finalmente - In piazza della Scala non metteranno mai le tendopoli, è troppo vicino a dove abitano i radical chic... Preferiscono metterli nelle periferie, dove la gente è già abituata al degrado e all'abbandono da parte delle istituzioni.

PerQuelCheServe

Ven, 26/08/2016 - 11:46

@mifra77 - I centri "sociali" vanno chiusi e i loro frequentatori mandati o in galera o a lavorare. Magari in uno di quei bei campi di pomodori dell'agro campano, dove oggi vengono sfruttati e malmenati tanti stranieri per un misero Euro al giorno che spesso nemmeno vedono. Lo dico perché sono capaci di lanciar sassi contro la polizia, ma di andare a lanciare pietre contro le bestie che sfruttano la gente (italiana e non) nelle campagne del nostro meridione si guardano bene. Si vede che difendere poveri e problemi veri costa loro una fatica fisica ed intellettuale troppo eccessiva.

PerQuelCheServe

Ven, 26/08/2016 - 11:49

@Piut - mi dispiace, ma non sono d'accordo. Le conseguenze dell'invasione sarebbero pagate innanzitutto dai più deboli. I "grandi intellettuali" e la politicanza varia che ha sorretto l'ennesimo pinocchio sinistro a Milano non pagherebbe niente: troverebbe semplicemente nuova manovalanza a basso costo per la manutenzione delle proprie case e dei propri giardini.

PerQuelCheServe

Ven, 26/08/2016 - 11:52

Ci lamentiamo tutti - e giustamente - dell'elezione di Sala, però mi sorge spontanea una domanda: tutti i Milanesi che si lamentano DOVE erano quando si è votato al primo turno e al ballottaggio? Perché abbiamo lasciato DI NUOVO che la pinocchia sinistra prendesse la nostra città?

Piut

Ven, 26/08/2016 - 14:41

@ PerQuelCheServe: ogni contributo per risolvere il mio dilemma e' ben accetto! Saluti!