Via Martinelli, anziani contro la metro blu «Noi abbandonati, ridateci i nostri orti»

Il terreno serviva a M4. Il Municipio: «Presto un bando su una nuova area»

Marta Bravi

Amareggiati, delusi, arrabbiati. Sono una trentina di anziani che abitano nella periferia sud ovest della città, a Ronchetto San Cristoforo che hanno perso gli orti che coltivavano da 50 anni. La proprietà delle terre è del Comune, i residenti di via Lorenteggio ai confini con Buccinasco da oltre mezzo secolo se ne erano appropriati per coltivarli. Ma con gli orti, hanno perso il luogo dove coltivare la propria passione, il proprio passatempo, in alcuni casi anche parte del proprio sostentamento. Un luogo di incontro, di socialità, un riempitivo quanto mai importante quando si raggiunge una certa età. E che adesso hanno tutta l'intenzione di riprendersi.

Il terreno di via Martinelli in primavera è entrato nelle competenze di M4 che dovrebbe realizzare il deposito della linea blu. Gli ortisti sono stati «cacciati» con la promessa di avere un altro terreno. Gli anziani hanno accettato, viste le promesse e le rassicurazioni arrivate da più parti: «Avremmo potuto esercitare il diritto di uso capione su quei terreni - commenta amaro Giuseppe Causio, portavoce del comitato - visto che alcuni di noi coltivano queste terre da oltre cinquant'anni, ma non l'abbiamo fatto e ci siano fidati. Dopo la campagna elettorale nessuno si è più fatto vivo... eppure il terreno che ci avevano promesso - continua - in via Casteli è lì, recintato e inutilizzato».

Il comitato degli ortisti di via Martinelli ha scritto mail al municipio 6, all'assessore ai Lavori pubblici Gabriele Rabaiotti al tempo presidente del municipio 6, che aveva promesso aiuto e ascolto. «Nessuno ci ha detto nulla, nessuno ha risposto alle nostre mail». Bene, ora gli anziani hanno deciso id riprendersi il terreno. Stanno raccogliendo le 500 firme necessarie per chiedere un consiglio straordinario sul tema.

Da viale Legioni Romane però assicurano di essere informati della vicenda e di stare lavorando: «M4 dovrà restituire un terreno lì vicino, bonificato, dopo aver costruito le recinzioni e il sistema di irrigazione». Non solo, il presidente di Municipio 6 Santo Minniti (6) ha incontrato il comitato per spiegare loro l'iter che avrebbero seguito gli appezzamenti: «Una volta che M4 restituirà il terreno bonificato e recintato, apriremo un bando per l'assegnazione degli orti. M4 è in ritardo rispetto ai tempi previsti, che era entro la fine del 2016, ma proprio in questi giorni abbiamo sollecitato il consorzio a concludere il lavoro».