MASSALENGORapina violenta: marito e moglie picchiati dai ladri

Arancia meccanica a Massalengo. In azione tre malviventi. La rapina violenta è andata in scena alle porte del borgo lungo la provinciale 23, nella villa di un imprenditore edile. La moglie ha rischiato di essere strangolata, il marito ha 42 giorni di prognosi con la frattura del setto nasale, un forte stato di choc e una lesione all'occhio destro. Sono le 22.30 di venerdì sera. La coppia è appena andata a letto. Improvvisamente sente forzare la porta di ingresso: i malviventi hanno saltato la siepe a protezione della casa e stanno entrando. I rapinatori raggiungono la coppia con torce e mazze. La donna viene trascinata alla cassaforte, ma non conosce la combinazione. Uno dei tre le stringe per diversi secondi le mani sull'esofago tanto che per un po' smette di respirare. Nel frattempo il marito viene trascinato nella stanza del figlio e pestato. Chiedono anche a lui la combinazione della cassaforte. Per lo choc l'uomo non la ricorda. Ancora botte e pugni. Poi la fuga. Si tratta dell'ennesima violazione delle abitazioni dei lodigiani da parte di bande organizzate, mentre le razzie non risparmiano il confinante Sudmilano dove ieri mattina, all'alba, un tabaccaio è stato legato e rapinato nel suo negozio del centro di Melegnano.