Mense, polemiche dopo lo «sciopero» Adesso spunta l'obiezione di coscienza

Assemblea sindacale per gli scodellatori e schiscetta da casa per i bambini. Cibo (freddo) d'emergenza ai nidi. E pollo «peloso» servito in mensa alle elementari, con conseguente segnalazione all'ispettore di zona e prelievo di campione da parte della società.
Intanto però ieri il Codacons ha «diffidato» l'ufficio scolastico territoriale di Milano e la società Milano ristorazione «chiedendo di garantire il diritto dei genitori di rivendicare scelte alimentari autonome e di esercitare l'obiezione di coscienza, portando il cibo da casa». L'associazione dei consumatori ha chiesto al provveditore «di emanare urgentemente una circolare. In un grave contesto di crisi sociale, quale quello attuale - scrive il Codacons - le famiglie, che spesso si trovano a dover vivere con uno stipendio di poco sopra i mille euro, hanno il diritto di fornire il pasto direttamente ai propri figli senza sostenere gli abnormi costi delle rette che Milano Ristorazione impone. Così come avviene ormai nella quotidianità di tutti gli uffici in cui per risparmiare ognuno si porta da casa la cosidetta “schiscetta“ per mangiare, lo stesso deve poter avvenire nelle mense scolastiche», scrive nella raccomandata, il presidente del Codacons Marco Donzelli. Ricomincia così l'anno scolastico con Milano Ristorazione. Ricomincia con la protesta da parte dei genitori che ogni anno contano di vedere una svolta che non arriva. Almeno dal punto di vista della qualità. Perché la creatività invece non manca. Martedì prossimo infatti in tavola sarà servito per la prima volta il pasto vegano in collaborazione col cuoco Pietro Leemann. «Non è solo un invito ad una dieta più salutare, ma è anche un richiamo alla sostenibilità, alla salvaguardia del pianeta che, a causa delle produzioni intensive degli allevamenti animali, consuma molte risorse», dicono da Milano Ristorazione. È solo l'inizio. Perché i menu speciali poi proseguiranno nel corso dell'anno. Ecco le date: mercoledì 27 novembre con la Giornata dell'integrazione con menù mediorientale (ebraismo e islam), giovedì 30 gennaio con Giornata delle Intolleranze con menù per celiaci, venerdì 28 marzo Giornata dell'integrazione con menù tipico regionale siciliano, martedì 27 maggio Giornata dell'integrazione con menù greco.

Commenti

Giorgio5819

Ven, 27/09/2013 - 12:09

In comune sono impegnati a organizzare feste gay e lesbo, con tanto di patrocinio e concessione gratuita degli spazi, studiano come rimborsare i rom che costruiscono case abusive, cosa volete che gli freghi delle mense scolastiche...sveglia Italia !