Un mese di concerti e feste: 150 eventi in città per Expo

Due anni all'ora x. Il primo maggio mancheranno 24 mesi esatti al taglio del nastro di Expo 2015 e Milano fa le prove generali con un mese di concerti, eventi, convegni, feste e spettacoli. Dall'1 maggio al 2 giugno oltre 150 appuntamenti nella seconda edizione del «Fuori-Expo», promosso dal Comune e la società che gestisce l'evento. Quattro sono gli appuntamenti clou che raduneranno migliaia di milanesi e non. Sabato 11 maggio il grande concerto di Radio Italia in piazza Duomo, a partire dalle ore 20 si alterneranno sul palco Alessandra Amoroso, Cesare Cremonini, Fabri Fibra, Marco Mengoni, Negramaro, Nek, Raf, Eros Ramazzotti, gli Stadio, Antonello Venditti e Zucchero. L'ingresso è gratis, idem il 25 maggio il concertone «Cornetto summer» dei Negramaro in via Goethe, di fronte all'Arena Civica. Ancora top secret il nome della rock band internazionale protagonista di un altro show in piazza Duomo il 30 maggio e si aggiungerà un quarto mega-concerto.
La musica è solo un ingrediente degli Expo Days. Il cibo, «energia per la vita» che è il tema scelto da Milano per l'Esposizione, sarà declinato in modo diverso nelle quattro settimane di programma. Venerdì 3 maggio il sindaco Giuliano Pisapia firmerà a Palazzo Marino una Carta contro gli sprechi alimentari, il fondatore di Slow Food Carlo Petrini terrà invece una lezione sul «paradosso del sistema alimentare mondiale» il 13 maggio al Piccolo Teatro. E realizzato da Slow Food è il mercato di prodotti a km zero che aprirà per due giorni alla fabbrica del Vapore, il 4 e 18 maggio. Dal 31 maggio al 2 giugno approda in piazza Duomo il «Gelato festival», con i migliori «artisti». Tutti i giovedì del mese i locali che aderiscono a Confcommercio offriranno degustazioni, panifici ed erboristi proporranno per tutto maggio invece una «sosta in salute»: pane con menu sale e assaggi di tisane.
Ma gran protagonista è la Cina e la sua cucina, non sarà un caso visto che Milano punta ad attrarre nel 2015 un milione di turisti dall'Oriente. E infatti, uno degli appuntamenti (il 15 maggio in via Pergolesi 25) ha per titolo «come accogliere i visitatori cinesi». Ma si parla di «alimentazione e medicina tradizionale cinese» in diverse giornate presso la sede di ChimaMilano e al ristorante Teatro7 Lab di via Thaon de Ravel sono in programma lezioni pratiche di cucina orientale: da «Quando il raviolo parla cinese» a «Cena a casa Zhu».
Nel programma, due giorni (il 4 e 5 maggio) per scoprire 25 «Cascine aperte» tra Monza e Brianza, il 18 maggio visite negli orti scolastici, il 23 maggio una passeggiata storico-culturale in battello, bici o in treno da Domodossola a Milano attraverso le vie d'acqua, il 26 un percorso guidato all'interno della Galleria d'arte DepuArt presso il depuratore di Nosedo. Educazione alimentare e solidarietà nei mercati coperti il 10 e 11 maggio: in ciascuno uno chef proporrà un menù con prodotti stagionali per 4 persone con una spesa di 20 euro, il ricavato andrà alla mensa per adulti in difficoltà.
Momento di alto valore simbolico il 4 maggio (alle ore 10) con la Cerimonia delle bandiere: in corso Vittorio Emanuele saranno svelate i nuovi vessilli dei Paesi che hanno aderito ad Expo, e andranno ad arricchire il Boulevard delle bandiere che da via Dante si spinge già fino al corso. «Costruire un concreto percorso verso Expo 2015 è una priorità assoluta per l'amministrazione» afferma l'assessore alla Cultura Filippo del Corno, e precisa che la kermesse è «a costo zero per il Comune».