Metrò soffocante: aria condizionata solo nel 14% dei treni

Cielo terso, vento fresco e secco, così si presenta Milano a fine luglio, con temperature cui assolutamente non si è abituati in quest’epoca a l’ombra della Madonnina. Certo tutti si ricordano della terribile estate del 2003, quando Milano venne avvolta da una bolla di caldo e di umidità insopportabile, in cui persero la vita alcuni anziani. Per provare quella sensazione non è necessario fare tanti sforzi di memoria, basta scendere in metropolitana: dove un caldo soffocante, nel senso letterale del termine, vi aspetta. I nuovi treni con aria condizionata infatti sono solo il 14 per cento dell’intero parco treni di Atm, distribuiti sulle tre linee della metropolitana, mentre i sistemi di nebulizzazione sulle banchine sono stati installati quasi solamente nella linea 1 - quasi che fosse l’unica a meritare attenzione: il sistema che diffonde piacevoli goccioline di acqua, infatti, è stato installato nelle stazioni di Loreto, Porta Venezia, San Babila, Duomo e Cadorna, tutte sulla linea 1 - mentre a Cadorna e Centrale per la verde. Sulla linea 3, invece, nemmeno l’ombra. «Il nostro obiettivo - spiegano da Atm - è arrivare in agosto a una percentuale del 90 per cento di mezzi circolanti con aria condizionata. È vero che le corse saranno ridotte, ma circoleranno quasi solo mezzi con aria condizionata». Bene, peccato che a beneficiare dell’aria condizionata, su treni quasi vuoti, saranno in pochi...
Intanto l’assessore alla politiche sociali Mariolina Moioli ha presentato il Piano anticaldo dedicato agli anziani che rimangono in città da soli. A Milano vivono circa 394mila over 60; si contano 216mila over 70 anni in su, di cui circa 135mila hanno già compiuto i 75 anni.
Il piano è suddiviso in due fasi: durante la prima, dal 3 giugno al 23 luglio, i servizi di territorio hanno ricevuto circa 19mila contatti (3.500 in più rispetto allo scorso anno), da parte di anziani che hanno richiesto servizi come l’accompagnamento all’ospedale, al supermercato, la consegna dei pasti a domicilio, la pulizia personale o della casa, richiesta di contributi economici che vanno da buono-spesa al buono-taxi. A chiamare il numero verde 800777888 sono state 2.058 persone.
La seconda frase del Piano anticaldo, invece, partito ieri fino alla fine di agosto, oltre a erogare questi servizi, assumerà anche un aspetto ricreativo.
«Milano Sport ha messo a disposizione l’ingresso gratuito alle piscine, mentre dal 26 luglio al 16 agosto in collaborazione con A2A riproporremo a chi resta uno spazio dove divertirsi incontrarsi e godersi il fresco - ha detto l’assessore Moioli - al Parco di Trenno. L’iniziativa è rivolta principalmente agli anziani e alle famiglie con bambini».