Mette a segno cinque rapine Poi telefona ai carabinieri

L'uomo si è consegnato dopo una mattina di colpi

In poco più di un quarto d'ora, sabato mattina, ha messo a segno cinque rapine e ne ha tentate due. Poi ha chiamato il 112 e si è costituito.

Così è stato arrestato dai carabinieri di Vimercate, che comunque erano sulle sue tracce, un 34enne di Carnate, vicino a Monza. È accusato di rapina aggravata, furto aggravato e sequestro di persona. L'uomo ha diversi precedenti per reati contro il patrimonio ed era affidato in prova ai servizi sociali. La serie delle rapine è cominciata sabato intorno alle 10 quando il 34enne è entrato alle Poste di Carugate e ha puntato il coltello al collo di una cliente, per costringere i dipendenti a dargli il denaro. Si è poi accontentato del portafogli alla donna e ha preso in ostaggio una 29enne con in braccio la nipote di 3 anni. Infine è fuggito. In seguito ha raggiunto un'area di servizio e, sempre con il coltello, ha minacciato il titolare e un cliente facendosi consegnare portafogli e cellulare. In una seconda area di servizio ad Agrate Brianza, ha ripetuto la scena, provocando però la reazione di un cliente che lo ha messo in fuga. In un altro esercizio commerciale ha puntato il coltello alla gola della titolare, si è fatto consegnare i soldi e ha rubato un computer. La donna è rimasta ferita alla mano. L'auto usata dal rapinatore è risultata rubata. Alla fine ha chiamato il 112 dichiarandosi colpevole e si è consegnato ai militari della stazione di Bernareggio. Quando ha telefonato era sotto l'effetto della cocaina.