Migliaia di pendolari sui metro partiti all'alba «Agevolato chi lavora»

Da ieri le metropolitane sono anticipate di mezz'ora. Ottimizzate pure le coincidenze

In migliaia ieri mattina all'alba hanno preso i treni della metropolitana partiti in anticipo. Da ieri infatti i treni ai capolinea della rossa (Sesto San Giovanni) e della verde (piazza Abbiategrasso) partono mezz'ora prima l'orario consueto. Una novità voluta da Atm di concerto con il Comune «per rispondere alle richieste di migliaia di utenti, in particolare dei pendolari che possono così lasciare l'auto ai parcheggi di interscambio e recarsi nei luoghi di lavoro in metropolitana ancora prima. L'operazione «Buongiorno Milano» oltre ad anticipare l'orario dei treni, amplia l'offerta generale del servizio e ottimizza la sincronizzazione delle coincidenze fra le diverse linee nelle stazioni di interscambio.

Il provvedimento, condiviso con il Comune di Milano, ha ottenuto fin da subito un particolare gradimento da parte dei passeggeri più mattinieri che hanno mostrato soddisfazione per questa nuova opportunità. In migliaia dunque ieri mattina hanno preso i primi treni della giornata partita dai vari capolinea. Il management dell'Azienda ha presidiato, con il Presidente e Direttore Generale Bruno Rota, la preparazione e le operazioni nella Control Room della metropolitana sin dalle 5 del mattino, monitorando in diretta l'anticipo delle corse, i flussi degli utenti e l'andamento del servizio, che si è svolto con la massima regolarità su tutte le quattro linee. Schierati dall'alba sui percorsi dell'intera rete il personale di assistenza alla clientela e gli addetti alla sicurezza, ampiamente dispiegati nelle stazioni e nelle banchine con maggiore affluenza per assistere e indirizzare al meglio i clienti.

Per quanto riguarda i nuovi orari: sulla linea rossa i treni partono da Sesto FS alle 5.40 invece che alle 6.15, da Bisceglie alle 5.50 invece che alle 6.20. Partenza alle 5.50 anche da Rho Fiera, alle 5.40 da Molino Dorino. La linea verde anticipata l'orario da Cologno alle 5.50, invariato invece il primo treno da Gessate (5.55). Parte alle 5.40 la prima corsa dal capolinea di piazzale Abbiategrasso e alle 5.50 da Assago. Nuovo orario alle 545 da Cascina Gobba (M2).

Anticipa la partenza la linea gialla, dal capolinea di Comasina alle 5.45 e da San Donato alle 5.40. Partenza alle 5.40 anche per la lilla da Bignami e da San Siro.

Il progetto, come anticipato nelle scorse settimane, ha comportato uno sforzo straordinario di Atm, che ha attuato una serie di cambiamenti nei processi gestionali e operativi, legati in particolare a tutti i lavori di manutenzione, all'organizzazione dei turni di macchinisti, agenti di stazione, operai per la manutenzione dell'assistenza di linea, manutentori, assistenti alla clientela e controlleria. Il tutto, orchestrando le partenze dai capolinea in modo da far coincidere gli arrivi alle stazioni di interscambio in maniera più armonica ed efficace.

Il presidente Rota è tornato sulle polemiche per il taglio di una decina di linee notturne, (N6, N15, N24, N27, N42, N50, N54, N57, N80, N94) che viaggeranno solo il venerdì e il sabato. «Si trattava di linee istituite con Expo, che trasportavano 7 passeggeri per corsa contro una media di 13 delle stesse linee nei giorni festivi. Come un buon padre di famiglia - ha spiegato Rota - abbiamo dovuto tagliare a favore di altri servizi. Questo perché le risorse sono quelle che sono».

MBR