Un milanese per scelta

Il semiologo viveva in piazza Castello, e al Castello ci sarà un funerale laico Passeggiate in centro e barbiere in via Rovello, Navigli e Scala: ecco la sua città

Sabrina CottoneSe muori a Milano e la vivi da lunghi anni, l'hai scelta, anche se sei un intellettuale tradotto dappertutto e sei nato ad Alessandria e ti sei laureato a Torino con Pareyson e il tuo curriculum accademico dice Bologna e lauree honoris causa in quaranta università del mondo. Il tuo barbiere è tra via Rovello e via Broletto, alla biblioteca Sormani ti metti in coda per prendere i libri che ti servono. Lo sguardo si affaccia ogni giorno sul parco Sempione e il tuo portone è in piazza Castello, la tua casa editrice di una vita è Bompiani, fondata a Milano nel 1929, ami passeggiare per via Dante e la domenica cercare chicche che sfuggono agli occhi profani tra le bancarelle dei mercatini di Cordusio. Sei vicino a ogni palco per i comizi politici importanti e a molti incontri che contano si vede il tuo fisico importante. Milanese, salutato per l'ultima volta dai milanesi martedì 23 febbraio, con una cerimonia laica al Castello Sforzesco. Umberto Eco, morto a 84 anni nella sua casa milanese alle 22,30 di venerdì 19 febbraio (...)