Un 30enne accoltellato in viale Monza: trovato in un lago di sangue

E’ stato trovato in un lago di sangue. Si tratta di un giovane egiziano. Le Forze dell’ordine stanno indagando

Notte di sangue a Milano. Un giovane è stato trovato alle prime luci dell’alba di oggi, con profonde ferite di arma bianca, sul ballatoio di una palazzina sita in viale Monza. Probabilmente una sola coltellata gli è stata fatale. Indagano gli agenti della scientifica e della Squadra Mobile. La zona è stata circoscritta. La tragedia è avvenuta nella notte tra lunedì 5 e martedì 6 agosto in un palazzo di viale Monza a Milano, al numero civico 101. Il ragazzo, un 30enne di origini egiziane, è stato trovato verso le 4,30 del mattino in un lago di sangue. Dalle prime indiscrezioni il corpo del giovane si trovava sul ballatoio di un palazzo.

Secondo una prima ricostruzione da parte degli uomini dell’Ufficio prevenzione generale della questura, le strisce di sangue sul pavimento proverrebbero da un appartamento. Sul luogo della tragedia è intervenuta un’ambulanza del 118. Il personale sanitario ha potuto solo constatare il decesso del 30enne. Le ferite provocate dalla lama del coltello erano infatti troppo profonde e ne hanno probabilmente causato la morte. Forse una coltellata è stata letale. Solo l’autopsia potrà chiarire maggiormente la situazione e la causa del decesso.

Sul luogo sono intervenuti gli agenti della Polizia scientifica e gli investigatori della Sezione omicidi della Squadra Mobile di Milano. Il coordinamento delle indagini è stato affidato a Lorenzo Bucossi. E’ ancora troppo presto per formulare l’ipotesi di omicidio, anche se gli inquirenti sarebbero portati verso questa direzione. Tutte le piste restano comunque aperte. Nelle prossime ore verranno anche ascoltati alcuni residenti del palazzo.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?