Da Milano a Gardaland con un treno «speciale»

Il treno ferma al parco delle meraviglie. Gardaland con la sua intramontabile magìa, confermata dalle code che anche quest'anno si sono formate nel giorno di Ferragosto, è uno dei più recenti itenerari del programma «Free Time» di Trenord; da una qualsiasi stazione della Lombardia si può raggiungere Peschiera del Garda, da cui una navetta gratuita porta piccoli e grandi verso la meta che ha ancora il sapore delle fiabe per uomini e donne di qualsiasi età. Il costo del viaggio e della visita è di 39.50 euro, solo due euro in più rispetto alla normale entrata giornaliera nel parco.
Più impegnativo un altro tragitto che comprende i «Beni del Fai». Villa Necchi Campiglio nel cuore di Milano oppure villa Panza a Varese sono le due destinazioni per i più curiosi della storia delle bellezze lombarde immerse nel ristoro di un grande giardino. Per chi vuole godersi Milano c'è l'iniziativa «QC Termemilano». Chi possiede un biglietto di Trenord convalidato in un dato giorno, nella stessa giornata può usufruire di sconti nei complessi termali della città: 33 euro invece di 42 dal lunedì al venerdì; 30 euro invece di 38 per l'ingresso serale delle 17.30; 40 euro invece di 49 nei giorni festivi. I clienti Malpensa Express possono usufruire di un trattamento benessere omaggio.
Altro viaggio, altra atmosfera. I «Tesori del Lago di Como» parte da Milano e si dirige a Varenna, dove ci si imabrca sul battello per andare a visitare ville, tra cui villa Carlotta a Tremezzo, e musei sulle sponde di «quel ramo» che dà inizio all'intreccio dei «Promessi Sposi». Il treno non conosce sosta. Può portare a Mantova per un intero tour della cittadina oppure sul lago Maggiore, dove una perla del silenzio attende il visitatore: l'eremo di Santa Caterina del Sasso.