Milano, giovedì di follia: fidanzati aggrediscono agente Atm a calci

Due fidanzati 30enni hanno aggredito un agente dell'Atm in un folle giovedì mattina iniziando il loro show intorno alle nove e concludendolo in carcere

L'agente dell'Atm era intervenuto nella mattinata di ieri in seguito alla chiamata di alcuni passeggeri che segnalavano la presenza di due fidanzati che stavano prendendo a calci le porte dei bagni.

Calci e un pugno in faccia, quello ricevuto dall'agente dell'Atm intervenuto per calmare i ragazzi che nella mattinata di ieri hanno seminato il panico in piazza Sigmund Freud a Milano. I due agenti intervenuti hanno condotto i ragazzi all'esterno della stazione Porta Garibaldi per l'identificazione ma questi una volta all'esterno sono fuggiti verso Corso Como. Un vigile ha notato i giovani correre e gli agenti dell'Atm andare loro dietro, così si è messo sulle tracce dei ragazzi anche l'agente della locale. L'uomo della coppia è inciampato cadendo a terra così il vigile ne ha approfittato per incastrarlo. Il 30enne sentendosi braccato gli ha sferrato un pugno in pieno volto, l'agente della security di Atm è intervenuto in soccorso del vigile ma è stato aggredito a sua volta dalla donna. La donna ha cercato di infilzare i due con un gancio da macellaio che si è tolta dalla borsa. Oltretutto, non contenti i due hanno tentato anche di disarmare l'agente della Polizia locale togliendogli la pistola dalla fondina.

Soltanto l'intervento della Polfer ha messo la parola fine al giovedì mattina di follia che aveva creato la coppia.

Per il giovane si sono aperte le porte di San Vittore mentre la ragazza è stata accompagnata in ospedale perché ha detto di aspettare un bambino.

Tutti gli agenti intervenuti non hanno avuto bisogno di ricoveri, nonostante uno sia stato trasportato con l'ambulanza in ospedale esami medici successivi hanno appurato che era in ottime condizioni di salute che non hanno richiesto prognosi. I fidanzati dovranno rispondere delle accuse di resistenza a pubblico ufficiale.

Commenti

titina

Ven, 09/11/2018 - 11:27

Che ci fa una persona con un gancio di macellaio in borsa? Anzi, che cosa vuole fare? Delinquenti.

violina66

Ven, 09/11/2018 - 11:53

Quindi, se i protagonisti sono italiani, si tratta di "follia", una cosa che può capitare a chiunque vada in giro con un gancio da macellaio nella borsetta. Ma se fossero stati migranti....ohi ohi, delinquenti, ingrati, assassini!

DaniPedro

Ven, 09/11/2018 - 12:07

Sono sicuramente finlandesi, etnia notoriamente pericolosa ed avvezza ai ganci da macellaio...

desaix

Ven, 09/11/2018 - 13:05

non è difficile bloccare questa gente, uno lo butta a terra l' altro gli mette le manette a una caviglia e un polso. oppure ci sono le pistole elettriche, ma non erano già entrate in dotazione ?

greg

Ven, 09/11/2018 - 13:08

VIOLINA66 - il tuo volere fare dell'ironia da centrosocialina da la misura della mancanza di intelligenza nel tuo cranio, che probabilmente è solo massa ossea

Vostradamus

Ven, 09/11/2018 - 13:36

Secondo copione, mancano nomi e cognomi. Fossero stati italiani, sarebbero stati etichettati come "pericolosi delinquenti", che cercano di sbudellare la gente con ganci da macellaio nascosti nella borsetta. Trattandosi di "fidanzatini", "ragazzi", eccetera, vien da pensare ad altro (io, se dovessi scommettere, direi nigeriani). Se non lo fossero, basta pubblicare nomi e cognomi (non sono minori, a 30 anni), e nulla quaestio.

Ritratto di Loudness

Loudness

Ven, 09/11/2018 - 13:37

Esatto violina, non ti sta bene? Dacci una multa!!!

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 09/11/2018 - 13:52

La Boldrini che dice? Ah no, questi sono risorse italiche, pardon...

Malacappa

Ven, 09/11/2018 - 14:03

violina66 si sono delinquenti ingrati assassini come ripeto con la nostra feccia ne abbiamo abbastanza non dobbiamo importarli

SHEILAISO

Ven, 09/11/2018 - 14:09

Solo resistenza a pubblico ufficiale? ma con tutto quello che hanno fatto, e se fossero riusciti a disarmare l'agente cosa avrebbero combinato? eppoi che c'entra se aspetta un bambino? essere in gravidanza non è mica una malattia, infatti la signora si è ben difesa,e la forza per correre l'ha avuta, perciò galera pure per lei.

Giorgio5819

Sab, 10/11/2018 - 13:17

violina66, auguri, il futuro ti sorride ! Poi , con calma, un giorno, capirai...