Milano, ristorante contro migranti: "Via Palazzi è una via italiana, non un centro d'accoglienza"

Nel centro di Milano, un ristoratore prende le distanze dall'accoglienza dei migranti

Dopo il cartello in sostegno dei marò (e contro gli indiani) ecco arrivare, sempre a Milano, un cartello contro i migranti. Siamo in via Lazzaro Palazzi, in zona Porta Venezia. Qui si trova l'osteria "Peppino" che ha apertamento protestato contro gli arrivi dei migranti piazzando un cartello con scritto: "Via Palazzi non è un centro d'accoglienza, è una via italiana. No camping". Sotto, una parola nitida - "Africa" - e un'altra: "Walk".

Il ristoratore ha dovuto reagire in questo modo a una situazione che si è fatta ormai insostenibile. Da anni, infatti, giungono in Porta Venezia numerosi migranti eritrei che rifiutano l'assistenza degli operatori del Comune. Si accampano dove trovano un rifugio, cercando sempre di fare gruppo con gli altri connazionali.

Commenti
Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Mar, 22/09/2015 - 14:24

Paga le tasse. Ha il diritto ad indignarsi e protestare.

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 22/09/2015 - 14:26

La misura è colma...

kayak65

Mar, 22/09/2015 - 14:38

chissa' come si scandalizzera' la boldrini! tanto lei abita a roma e con scorta

Gianluca_Pozzoli

Mar, 22/09/2015 - 14:56

STO CON IL RISTORATORE

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 22/09/2015 - 15:10

MENO; MALE CHE IN ITALIA CI SONO ANCORA ITALIANI CON LE PALLE! IO SONO CON IL RISTORATORE!!!...

Ritratto di lettore57

lettore57

Mar, 22/09/2015 - 15:16

Tifo, senza se e senza ma (mi fa schifo citare questa frase catocomunista ma lo faccio lo stesso), con il RISTORATORE

elalca

Mar, 22/09/2015 - 15:26

ma quale cartello choc. ha fatto benissimo

antonmessina

Mar, 22/09/2015 - 15:35

dovrebbe tutta italia comportarsi come questo ristoratore! avere il coraggio di difenderci !

OttavioM.

Mar, 22/09/2015 - 15:49

La colpa è del governo che non identifica gli immigrati e li lascia andare in giro senza meta.Del comune che non si cura del decoro della città.Di sicuro non è di questo povero ristoratore a cui lo stato italiano chiede di pagare esose tasse e poi se ne frega di come uno è costretto a lavorare e vivere.Ormai siamo sprofondati nel degrado.

Palladino

Mar, 22/09/2015 - 15:52

finalmente qualcuno si ribella.

xgerico

Mar, 22/09/2015 - 16:02

Chi scrive maiuscolo è un cafone!

yulbrynner

Mar, 22/09/2015 - 16:06

protesta ridicola serve solo a farsi pubblicita' su giornali radio e tv x attirare clienti..vecchio furbacchione!

routier

Mar, 22/09/2015 - 16:07

FINALMENTE ! La gente comincia a svegliarsi. Per i "buonisti" in servizio permanente effettivo non vedo un roseo futuro.

roseg

Mar, 22/09/2015 - 16:15

PONTALTI ASPETTIAMO IL TUO ILLUMINATO COMMENTO.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 22/09/2015 - 16:40

questo week end ci faccio un salto a mangiare!

giovanni951

Mar, 22/09/2015 - 16:45

bravo il ristoratore...basta con questi clandestini che ciondolano nelle vie della città senza fare nulla.

game_over

Mar, 22/09/2015 - 16:52

Grande Osteria Peppino...io sono con te! Se vengo a Milano mangerò nel tuo ristorante. Finalmente qualcuno che reagisce e mostra la sua indignazione al degrado che questa politica malsana ci sta portando.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mar, 22/09/2015 - 17:14

E meno male che ci sono ancora degli Italiani!! Anche a Genova in uno dei Caruggi davanti al Porto Antico c'è un Ristoratore Italiano che sulla lavagna del suo ristorante, posta bene in vista fuori dalla porta, ha scritto cosa ne pensa dell'invasione di Genova e dell'Italia da parte dei clandestini. Un altro Grande Italiano e nessuno si è mai azzardato a toccare o cancellare la lavagna e vi assicuro che il nostro Centro Storico pullula di ormai insopportabili "risorse e talenti" .

ziobeppe1951

Mar, 22/09/2015 - 17:35

@xgerico ...HAI PERFETTAMENTE RAGIONE

yulbrynner

Mar, 22/09/2015 - 17:48

aspira ad attirare clienti eheheheh furbetto lui

torquemada63

Mer, 23/09/2015 - 12:11

qualcuno qui asserisce che il ristoratore potrebbe cercare pubblicità gratuita, potrebbe anche essere cosi, ma cari babbei sareste cosi felici se vi si piazzassero sotto casa queste orde di queste risorse,da obbligarvi a tenere in casa i vs figli? E quanto ci costa mantenere sti parassiti,mentre scuole e ospedali vanno a pezzi,e i nostri anziani frugano nei cassonetti.