Milano, sale sul tetto della Scala per protestare contro le riforme

Un 50enne di origini bulgare sale sul tetto della Scala di Milano ed espone alcuni striscioni di protesta contro il referendum. Ancora in corso le trattative per farlo desistere dal suicidio

Dalle 8 el mattino è sul tetto della Scala di Milano, in equilibrio precario con una corda che pende nel vuoto. Un 50enne di origini bulgare sta tenendo in apprensione decine di carabinieri, poliziotti e vigili del fuoco che subito dopo l'allarme si sono rovesciati su piazzan della Scala. "Referendum categorico no", si legge in uno degli striscioni appesi sul parapetto.

Sul tetto della Scala per protestare contro il referendum

È stato lo stesso 50enne a chiamare intorno alle 7.30 i carabinieri dicendo che era riuscito a salire sul tetto del famoso teatro milanese in protesta contro la riforma della Costituzione e la giustizia italiana. Le forze dell'ordine si sono fiondate immediatamente sul posto bloccando la strada per permettere le operazioni dei viigili del fuoco. I pompieri hanno montato un gonfiabile anti caduta sotto al punto in cui si è sporto l'uomo e un negoziatore è salito sul tetto per evitare che il 50enne si getti nel vuoto.

Gli altri striscioni sono contro la giustzia italiana "abuso di potere", mentre un altro afferma che "il Presidente Berlusconi ci aveva visto giusto". "Libertà e democrazia=0,0", si legge infine nell'ultimo cartellone esposto sulla piazza.

Non è ancora chiaro come sia riuscito a salire lassù. Le ipotesi sono che si sia nascosto la sera prima all'interno del teatro prima dell'ora di chiusura e alle prime luci dell'alba si sia diretto, tutto solo, sul tetto. Oppure potrebbe essere entrato di prima mattina. Anche se le forze dell'ordine non sanno ancora spiegare come. Di certo l'evento fa destare preoccupazione per le misure di sicurezza, che potrebbero avere una falla. Se fosse stato un malintenzionato?

A quanto pare quella del 50enne non sarebbe la prima impresa. Un anno fa avrebbe fatto lo stesso sul tetto della chiesa di San Cristoforo a Mantova, tenendo sotto scacco una città per nove ore. Nel momento in cui scriviamo le operazioni di salvataggio sono ancora in corso. Si teme che l'uomo possa tentare di superare il "record" dell'ultima volta.

Commenti
Ritratto di armandoesse

armandoesse

Sab, 08/10/2016 - 13:10

Ma perche non va a rompere le palle in Bulgaria nel suo paese, che si butti o dategli una spinta.

lorenzovan

Sab, 08/10/2016 - 13:11

e un paio di romeni sulla guglia del duomo.. no ??? dai che ce la farete...lolololol

Ritratto di ALBACHIARA333

ALBACHIARA333

Sab, 08/10/2016 - 13:47

FA BENE ANCHE NOI ITALIANI DOVREMMO SALIRE SU CAMPANILI DELLE NOSTRE CHIESE E PROTESTARE CONTO QUESTO INEFFICIENTE RIDICOLO E PREPOTENTE GOVERNO GRIDANDO IL NOSTRO DISAPPUNTO E MOSTRANDO CARTELLI DI PROTESTA

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Sab, 08/10/2016 - 13:57

dopo farage (inglese)un bulgaro che difende gli ITAGGGLIANI

Ritratto di nando49

nando49

Sab, 08/10/2016 - 14:17

Bulgaro ... che protesta per le riforme e giustizia? Mi puzza !

Ritratto di Scassa

Scassa

Sab, 08/10/2016 - 14:48

scassa sabato 8 ottobre 2016 A mio parere chiamare " falla (forse ) nella sicurezza della Scala questo avvenimento ,non è né suggestivo né tantomeno corretto ; è un esempio di quanto è come siamo protetti noi cittadini e i siti sensibili ,quindi va in scena L'IPOCRISIA , bravo Algerino Afgano 7+!!!!!!!!!scassa.

ex d.c.

Sab, 08/10/2016 - 16:03

Perchè non lasciarlo su con i suoi cartelli. E' una buona propaganda. Il SI ce lo troviamo anche dietro ai bus pubblici

giottin

Sab, 08/10/2016 - 17:42

... e de tto da un bulgaro....

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 08/10/2016 - 18:46

Siamo a buon punto: con l'aiuto propagandistico al NO sul referendum di un bulgaro il risultato sarà scontato: vincerà il NO con maggioranza bulgara.