Montezemoliani e area Albertini Prove di incontro

Nuovi movimenti al centro, area in cui si registra una grande agitazione, con esisti non sempre soddisfacenti. Pochi giorni fa si è registrata un prima frizione fra i colonnelli dei movimenti «Italia futura» e «Fermare il declino», e gli esponenti politici dell'Udc e non solo, che sono stati «processati» dai promotori di un incontro dedicato al «partito che non c'è». E nell'area del partito che non c'è, intanto un nuovo soggetto prova a farsi largo, in vista di eventuali - ma tutt'altro che certe - elezioni regionali di primavera. Si tratta dell'associazione «Lombardia per le riforme», che si prepara a celebrare la sua prima convention. L'appuntamento è per il 20 ottobre, a Milano, annunciano gli organizzatori. L'associazione è formata da politici trasversali al centrodestra, e oggi sembra gravitare nella galassia montezemoliana. Di «Lombardia per le riforme» fanno parte il senatore di Fli Giuseppe Valditara, l'ex sindaco di Milano Gabriele Albertini e il deputato Udc Pierluigi Mantini. Con loro anche l'ex parlamentare Dario Rivolta e l'esponente dell'Udc Alessandro Sancino. Ma tra i promotori ci sono pure Sergio Scalpelli, già assessore comunale della giunta Albertini, oggi tra i coordinatori lombardi di «Italia Futura». Giorgio Stracquadanio, ex Pdl, spiega l'obiettivo dell'associazione politica: «Rimettere insieme liberali e cattolici, moderati e riformisti che si pongano come alternativa alla sinistra e alla deriva demagogica anti-europeista che ha ormai preso il Pdl».