Morto il carabiniere che venerdì scorso si era schiantato in moto

Il violento impatto era avvenuto poco do le 13 in un viale trafficato di Milano. Il militare stava rientrando a casa dopo aver finito il turno di lavoro

È morto in seguito alle ferite riportate durante il violento impatto il carabiniere che venerdì scorso si era schiantato con la sua moto su viale Cassala, un viale molto trafficato in zona Romolo Navigli a Milano. L’incidente era avvenuto poco dopo le 13 e da subito le condizioni del militare di 37 anni erano apparse molto gravi. Oggi la tragica notizia della sua morte. Venerdì 3 maggio il carabiniere per cause ancora da appurare, ha perso il controllo della sua moto ed è caduto rovinosamente per terra, senza apparentemente coinvolgere nella caduta altri veicoli.

Come ha fatto sapere l’azienda regionale di emergenza urgenza il tragico impatto con il suolo è avvenuto esattamente alle 13,10. Immediati sono stati i soccorsi, infatti sul luogo dell’impatto sono state inviate sia un’ambulanza che un’automedica. Le condizioni del 37enne sono però apparse fin da subito disperate. Dopo essere riusciti a stabilizzare i valori vitali dell’uomo, i sanitari hanno trasportato il carabiniere in codice rosso al Pronto soccorso del Policlinico.

Il militare sarebbe entrato in coma una volta arrivato in ospedale, a causa del trauma cranico e di quello toracico riportati durante l’impatto con il terreno. Purtroppo oggi è giunta la tragica notizia, il carabiniere è morto in seguito alle ferite riportate. Secondo le prime indiscrezioni, venerdì scorso, poco prima dell’incidente, il militare aveva appena terminato il turno di lavoro alla Caserma Montebello e stava facendo rientro a casa. Si trovava in servizio presso le Api del nucleo radiomobile. Le Forze dell'ordine che sono intervenute sul luogo del tragico impatto e si sono occupate dei rilevamenti dela caso, cercheranno ora di capire l'esatta dinamica dell'incidente, e cosa abbia fatto perdere al collega il controllo della moto.

Commenti

Giorgio5819

Lun, 06/05/2019 - 12:07

R.I.P.

baronemanfredri...

Lun, 06/05/2019 - 14:43

FEDELE NEI SECOLI