Moschee, il bando comunale rischia

Guerra aperta sulla legge. La Regione avverte Milano: deve indicare i luoghi di culto nei suoi piani

Sulla legge anti-moschee è guerra aperta su due fronti fra Regione Lombardia e governo. Guerra politica ma anche giuridica. Il Consiglio dei ministri di giovedì ha formalizzato l'impugnazione alla Consulta del provvedimento regionale sui luoghi di culto. E il governatore Roberto Maroni ha parlato addirittura di una «ritorsione» contro la Lombardia. A Palazzo Marino cantano vittoria, forse troppo presto: il verdetto intanto deve ancora arrivare, poi Maroni avverte: «L'impugnativa non sospende l'applicazione della legge. Quindi, certamente, noi andiamo avanti». Anche l'assessore regionale al Territorio Viviana Beccalossi, ricorda che la legge approvata a gennaio al Pirellone è vigente a tutti gli effetti (...)