Motociclista cade per la buca Polemica sulla manutenzione

Incidente in un tratto di strada già segnalato più volte Il Comune annuncia piano straordinario di intervento

Alla fine è successo. Un motociclista ieri mattina è caduto in via Molino della Armi all'altezza di piazza Vetra per colpa di una voragine nell'asfalto. E dire che quel tratto di strada è stato segnalato più volte nell'ultimo mese all'ufficio della polizia locale da alcuni residenti proprio perché ritenuto pericoloso. Invano. Nonostante, infatti, le ripetute chiamate, nessuno è intervenuto. E ieri, come prevedibile, c'è stata la prima vittima.

Bastava però dare un'occhiata alla pagina facebook dell'assessore alla Mobilitò Marco Granelli per rendersi conto di come le strade siano ridotte a un colabrodo. Da Niguarda a Bruzzano, da Lorenteggio a Cermenate da corso Lodi a corso di porta Vittoria. E ancora da Foro Bonaparte a corso Plebisciti sono decine le segnalazioni dei milanesi, centauri e no, preoccupati per la propria incolumità.

«L'ennesimo incidente che ha visto un centauro rovinosamente cadere a causa del manto stradale - attacca il capogruppo di FdI in Regione Riccardo de Corato - è l'ennesima riprova della scarsa manutenzione delle strade. Ormai da anni l'amministrazione procede con rattoppi mordi e fuggi che puntualmente alla prima gelata o pioggia si riaprono. Il Comune la scorsa estate cosa ha fatto? Vista la situazione odierna evidentemente la manutenzione stradale non rientra nelle priorità».

Proprio ieri il Comune ha annunciato un programma straordinario di manutenzione dell'asfalto per la rete stradale che si sviluppa per 4mila chilometri. «Dopo i mesi invernali le strade hanno bisogno di una cura d'urto dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità -. Nei prossimi due mesi sono già stati programmati trecento interventi di riparazioni su diversi livelli di intensità in città. Successivamente tra estate e autunno, sarà avviata una pesante campagna di asfaltature».

Dopo gli allagamenti del week end dall'assessorato alla Mobilità si sono resi conto dell'urgenza di mettere mano anche ai tombini. Nel bilancio preventivo del 2018 approvato oggi (ieri per chi legge, ndr), è stato inserita inseirta una voce di due euro dedicata esclusivamente alle tombinature, per migliorare la qualità delle strade di Milano. Una cura d'urto che sarà attuata con le normali procedure d'appalto».

Le riparazioni dell'amministrazione non rispondono solo alla contingenza che si è creata in questi giorni - fanno sapere da Palazzo Marino - ma è già stato programmato un piano di manutenzione straordinario che in due mesi, fino a metà maggio, interverrà su circa trecento strade in tutta la città. Si tratta di interventi di manutenzione che comprendono chiusura buche e manutenzione di tratti ammalorati di strade, manutenzione di marciapiedi, cordoli, scivoli, barriere. Per quanto riguarda gli interventi urgenti, da oggi sono state raddoppiate le squadre in campo degli operatori del Nuir (nucleo intervento rapido), ovvero i settanta aggiusta tutto del Comune, attivi 24 ore su 24.