Muore nel metrò per paura di uno scippatore

«Che cosa volete, che cosa fate» e poi ancora «toglietemi le mani di dosso». È morto nel timore di venire borseggiato Francesco Tatoli, 65 anni. L'uomo è stato stroncato da un infarto ieri poco prima delle 18 nei corridoi del metrò della stazione della metropolitana «De Angeli» per paura di una rapina che invece, secondo i filmati delle telecamere, sembra non esserci proprio stata. A udire le urla sono stati due agenti della Polmetro che si trovavano sulla linea rossa. Quando gli agenti lo hanno raggiunto l'uomo si è accasciato senza riuscire a dire nient'altro. Tre giovani, di nazionalità rumena, sono stati portati in questura.