Musei, arte e un po' di sport Appuntamenti per chi resta

Brera, Palazzo Reale, Castello: mostre per tutti i gusti Giochi di luce e musica alla Darsena, aperte le piscine

Arte, cultura, divertimento e socialità, senza rinunciare al tradizionale tuffo. L'offerta di Milano per chi resta in città a Ferragosto spazia dalle numerose piscine aperte, ai musei e alle mostre, fino ai concerti. Per le piscine, accanto alle consuete aperture del sabato e della domenica, le strutture di Milanosport apriranno i battenti anche a Ferragosto: si va dalle Cozzi, Procida, Solari e Suzzani - tutte al coperto - ai centri balneari Argelati, Lido, Romano e Scarioni, fino alle piscine scoperte Sant'Abbondio, Cardellino e Saini. Porte aperte dalle 10 anche ai Bagni Misteriosi per una classica giornata da trascorrere a bordo piscina, ma che dalle 18.30 si trasformerà in una festa a base di musica, animata dalla Dirty Dixie Jazz Band. Per chi preferisce dedicarsi alla cultura, le occasioni non mancheranno, anche in considerazione del fatto che i musei saranno tutti aperti e molti siti espositivi saranno visitabili anche oggi tra i quali tutte le varie sedi della Triennale, il Mudec, il Museo del Novecento, i Musei del Castello Sforzesco, l'Acquario civico e il museo di Storia Naturale. Apertura straordinaria anche per Palazzo Reale, Pac e Palazzo della Ragione.

Tra i luoghi più vivi il Castello Sforzesco, con la rassegna «Estate Sforzesca» che oggi propone lo spettacolo teatrale La vita è musica. In piazza del Cannone, «Vacanze a Milano» continueranno ad accendere i pomeriggi danzanti e le serate musicali di chi frequenterà la pista da ballo di 450 metri. La sera si potrà scegliere fra il cinema, con la rassegna dell'Arianteo, e la musica. Alla Darsena è prevista una serata di jazz e lo spettacolo di suoni e laser. Ma non solo. Anche la barca Ice age, ispirata al celebre ciclo «L'era glaciale» di cui proprio domani sera alle 21 verràproiettato il quinto episodio sul maxischermo di Citylife e Palazzo reale alle 21.

L'arte non va in vacanza, dunque. Turisti e milanesi rimasti hanno l'opportunità di passare Ferragosto tra le esposizioni di Palazzo Reale. Durante l'orario d'apertura, dalle 9.30 alle 19.30, sarà possibile visitare la personale di Escher, la retrospettiva di Isgrò e la mostra dedicata agli ultimi sessant'anni di storia del settimanale L'Espresso. Promossa dal Comune, la mostra «Escher» è prodotta da Palazzo Reale, Arthemisia e 24 Ore Cultura.

Inaugurata il 24 giugno, rimarrà in esposizione sino al 22 gennaio 2017. Con oltre 200 opere l'itinerario del progetto espositivo è un viaggio all'interno dello sviluppo creativo dell'artista Maurits Cornelis Escher, scomparso nel 1972. Il viaggio parte dalla radice liberty della sua cultura figurativa, soffermandosi sul suo amore per l'Italia e individuando nel viaggio a L'Alhambra e a Cordova la causa scatenante di un interesse per le forme geometriche già ampiamente presente nella sua vena creativa. Snodo centrale della mostra è il momento della maturità artistica di Escher con i temi della tassellatura e degli oggetti impossibili. Oggi nella quiete della metropoli estiva, Palazzo Reale offre anche la possibilità di vivere una selezione di lavori storici di Emilio Isgrò. Allestita in più sedi e a cura di Marco Bazzini, la grande antologica dedicata all'artista contemporaneo dei «testi cancellati» è stata inaugurata il 29 giugno e rimarrà a Palazzo Reale sino al 25 settembre. Fino all'11 settembre, invece, saranno esposte le circa 450 immagini raccolte per «La nostra storia. Ieri e oggi nelle fotografie de l'Espresso», molte delle quali originali ed esclusive, scattate in sessant'anni di storia del settimanale da maestri della fotografia e notissimi reporter.