Quel museo è un'impresa Il prodotto «va in scena»

Archivi e raccolte aprono gratuitamente al pubblico tra mostre e piéce teatrali. Dalla galleria Campari alla Fondazione Dalmine

Sono ventuno musei nella nostra regione, e mettono in mostra (anzi, in scena) i loro pezzi migliori: Museimpresa, l'associazione che raduna tutti gli archivi e i musei delle imprese italiane, propone quest'anno un calendario di eventi meno paludati e più attenti al grande pubblico. Teatro, musica, visite guidate sui generis, laboratori per bambini, per far capire che nei musei di molte realtà produttive lombarde ci sono storie che è doveroso conoscere. Come ogni novembre, la Settimana della Cultura di impresa – che parte oggi e dura fino al 20 novembre, con una cinquantina di eventi in tutta Italia – apre al pubblico, in forma gratuita, archivi e musei che raccontano la storia di molte eccellenze locali, dalla Bracco alla Campari, dalla Branca alla Kartell (www.museimpresa.com). Ecco le cose da non perdere di questa edizione dal titolo «L'impresa va in scena». New entry. il Museo Molteni inaugura il 20 novembre, a Giussano: una cinquantina di oggetti icona e prototipi firmati Dada, Molteni&C, Citterio, Unifor per un viaggio nel made in Italy lungo ottant'anni, dall'arredamento del Dopoguerra, funzionale ed essenziale, alle cucine-design di oggi, fucine di innovazione. Lupi, chiocciole, rondini e rane dei Cracking art invadono lo storico Stabilimento Branca. E poi teatro. Attori sul palco per narrare storie aziendali di successo: questa sera, ad esempio, negli spazi dell'Officina Rancillo di Parabiago, uno spettacolo dedicato a Roberto Rancilio, fondatore dell'azienda famosa per le macchine da caffè, e sulla vita nella Milano degli anni Venti e Trenta. «Ho misurato la mia vita a cucchiaini di caffè» è il titolo della performance teatrale che sabato accompagna i visitatori alla visita del Mumac, il museo della macchina per il caffè del gruppo Cimbali, a Binasco. In zona Bicocca, sabato attori professionisti animano la visita al head quarter Pirelli. Le chicche? La sezione fotografica, con scatti d'archivio firmati da maestri come Ugo Mulas e i manifesti di campagne pubblicitarie partorite da cervelli come quelli di Bob Noorda e Renato Guttuso. All'Arsenale «Gran tour d'impresa»: spettacolo multimediale tra brevetti, pezzi memorabili e successi delle principali aziende lombarde e al Piccolo una piéce teatrale che ripercorre la storia italiana dagli anni Venti a oggi attraverso foto, filmini e oggetti della Fondazione Fiera Milano. Arte & design. Il Museo Kartell di Noviglio presenta nel nuovo allestimento per i suoi quindici anni di vita il meglio dei coloratissimi pezzi di design dell'azienda. Ancora colore: alla Galleria Campari a Sesto una mostra celebra il «rosso» e i suoi significati in politica, religione, psicologia. Fuoriporta due mostre di fotografia: rassegna sul paesaggio e i cambiamenti architettonici sull'asse Milano-Bergamo alla Fondazione Dalmine e, all'Oasi Zegna, gli scatti di Giovanni Caccamo indagano l'ambiente attorno all'antico lanificio. Musica. Reading a Bresso: il museo Zambon presenta «Il respiro della ricerca»¸ narrazione a suon di sax sui progressi della medicina.