Con la musica e in silenzio Milano saluta Abbado

Il Teatro alla Scala è vuoto, ma le sue porte sono aperte. Dentro solo la Filarmonica diretta da Daniel Barenboim che esegue la Marcia funebre dalla terza Sinfonia «Eroica» di Ludwig van Beethoven. Il pubblico è tutto fuori: sono 8mila persone che ascoltano commosse, in piedi, riempiendo la piazza. Un silenzio irreale. È questo l'ultimo saluto che la Scala e tutta Milano hanno rivolto al maestro Claudio Abbado, scomparso la scorsa settimana all'età di 80 anni. Musicisti, studenti, famiglie e anziani ma anche turisti e stranieri che hanno voluto ricordare in silenzio il maestro che ha guidato la Scala per diciotto anni, dal 1968 al 1986.